Gli utenti che sono rimasti “delusi”, o per lo più non del tutto soddisfatti, dal nuovo Android 12 di Google potrebbero effettivamente apprezzare Oppo ColorOS 12 sui dispositivi Pixel.

L’azienda con Oppo ColorOS 12 ha introdotto tanti piccoli cambiamenti, come le Memoji che diventano Omojii, miglioramenti per la calibrazione del colore, la funzione per daltonici lanciata con Find X3 Pro, la traduzione integrata con Google Lens o la nuova funzione per passare rapidamente da un’app all’altra. La maggior parte dei cambiamenti introdotti con ColorOS 12 probabilmente non sono altro che strategie di marketing. Tuttavia, pur essendo cambiamenti quasi impercettibili, potrebbero rappresentare un’alternativa valida per chi ha voglia di provare qualcosa di diverso da Android 12.

Ci sono alcune modifiche che potrebbero non entusiasmarti di ColorOS 12, ma potrebbero anche sorprenderti piacevolmente. I pulsanti sono colorati in modo quasi eccessivo, alcune transizioni lasciano il tempo che trovano a causa della poca fluidità. Il gesto di navigazione “indietro” non ha alcun feedback tattile per impostazione predefinita. In un centinaio di modi, tutti i tuoi anni di condizionamento e aspettative usando un telefono Samsung, Pixel, Motorola o Nokia verranno stravolti da Oppo ColorOS 12 in un modo che fa sembrare tutto poco intuitivo e leggermente fuori posto. Tuttavia, nonostante alcuni bug iniziali, il nuovo sistema operativo sembra più funzionale di quel che sembra.

Oppo ColorOS 12: il nuovo sistema operativo ricco di funzioni che potrebbe dare del filo da torcere ad Android 12

L’azienda sta lentamente imparando a realizzare un’interfaccia utente più intuitiva e attraente che fa appello sempre di più ad un design consono. Il menu delle impostazioni, ad esempio, è stato effettivamente ben organizzato negli ultimi anni. Poiché il numero di funzioni nei nostri telefoni non smette mai di aumentare, ci sono utenti che potrebbe preferire la ricerca della semplicità e del tocco minimale tipica degli ultimi aggiornamenti di Google per Android 12. Per chi invece preferisce un telefono ricco di funzioni e opzioni da tutte le parti, ColorOS sarà la soluzione ideale.

Un ottimo esempio è il fatto che Oppo ha dovuto creare il proprio set di temi per lo sfondo ed è altamente personalizzabile. Con Android 12 il tuo Google Pixel non è così personalizzabile da un punto di vista estetico. Ci sono solo alcune opzioni predefinite tra cui scegliere. Nella battaglia senza fine tra Android e iOS, ad esempio, si tende spesso ad evidenziare quanto Android permetta di personalizzare il proprio smartphone. Con l’arrivo di Oppo, la faida potrebbe presto diventare uno scontro a tre.

Un altro punto a favore di Oppo è l’interesse per la privacy degli utenti. L’azienda sta prestando attenzione a quali modifiche funzionano e quali no. Anche la schermata di scorrimento dimostra un’attenzione ai dettagli meticolosa e impeccabile. Quando è stata annunciata la fusione del software OnePlus/Oppo, una delle maggiori preoccupazioni era che tutte le sottomarche si sarebbero ritrovate con un software quasi identico. Questo sarà inevitabilmente vero poiché uniranno le loro risorse, ma c’è ancora tempo. L’azienda dopo la fusione sta anche considerando la creazione di una versione Light “più leggera” per aggiornare anche i dispositivi più vecchi o di fascia bassa che altrimenti potrebbero non avere lo spazio di archiviazione necessario per Oppo ColorOS 12.