android-ermac-malware-nasconde-app-bancarie-ruba-dati-finanziari

Nel mondo della telefonia smart uno dei più grandi pericoli che soprattutto negli ultimi anni ha subito una grande espansione sono i malwares, i piccoli programmi malevoli hanno infatti preso largamente piede e flagellano costantemente la community, portando avanti attacchi e cercando i infiltrarsi nel maggior numero di devices possibile.

I malwares sfruttano infatti delle banali app definite dropper come vettori per essere installati, cosa che una volta avvenuta fa assumere il controllo del device al programma malevolo, il quale inizia poi a copiare tutti i dati contenuti nelle memorie per poi inviarli tramite rete internet al suo creatore presso un server remoto.

Ovviamente incapparci non è tra gli eventi più comuni, ciò non toglie che scaricare apk da fonti non certificate aumenta l’esposizione al rischio.

 

I tre malwares più diffusi di Settembre

Nel mese di Settembre a dominare la classifica c’è ancora xHelper, seguito a ruota da AlienBot e FluBot, vediamo insieme i dettagli:

  • xHelper: Applicazione dannosa scoperta per la prima volta nel 2019, una volta penetrata installa altre app dannose e inizia a visualizzare pubblicità aggressive, se disinstallata si re-installa e si nasconde sia alla visione dell’utente che ai maggiori software anti virus.
  • AlienBot: Questo tipo di malware appartiene alla famiglia Malware-as-a-Service, esso una volta penetrato permette al creatore di iniettare un codice da remoto che consente di assumere il controllo delle app di gestione finanziaria, garantendo dunque un controllo ai conti della vittima.
  • FluBot: Malware distribuito tramite falsi SMS legati al mondo delivery, una volta cliccato il link nel testo esso si installa e ottiene l’accesso a tutti i dati sensibili della vittima.