Postepay: ora la truffa si nasconde in un messaggio phishing

Ci vorrebbe praticamente un miracolo per estromettere dal mondo dell’home banking tutte quelle piaghe che ogni giorno riescono ad imbrogliare i poveri clienti. Purtroppo, nonostante le banche abbiano innalzato vere e proprie muraglie contro le truffe e il phishing, l’ingenuità di alcuni utenti non può essere di certo riparata.

A dimostrarlo, loro malgrado, sono gli esageratamente numerosi clienti del mondo Postepay, i quali essendo i più presenti in Italia attirano in maniera ancora più netta i truffatori. Il nuovo tentativo di phishing infatti si divertirebbe a camuffarsi all’interno di un messaggio, il quale sembrerebbe provenire dalla filiale. Obiettivo ancora una volta è quello di ottenere le credenziali di accesso e rubare i soldi dei conti.

 

Postepay: questo è il messaggio che tenta di imbrogliarvi

Gentile Cliente,
Siamo spiacenti di informarvi che abbiamo deciso di sospendere le vostre operazioni sul nostro sito e sulla vostra carta poichè avete ignorato la precedente richiesta di conferma della vostra identità e di attivazione dei servizi DSP2 che è ormai la norma europea.
Per poter riutilizzare la sua carta si prega di confermare le informazioni rilasciate sul nostro sito al momento della sua registrazione.
La procedura può essere completata cliccando sul link sottostante, che la porterà sul nostro sito nella sezione dedicata alle verifiche.
L’aggiornamento di un giorno obbligatorio.
Ti ringraziamo in anticipo per il tempo che ci dedicherai.
Per iniziare:
  CLICCA QUI  
Le ricordiamo che finché la verifica non viene effettuata, lei non sarà in grado di :
  • Effettuare prelievi al bancomat o su POS.
  • Effettuare ricariche.
  • Effettuare pagamenti online o su POS.
  • Effettuare bonifici bancari .