blank

Uno dei temi caldi di questa seconda metà del 2021 è stato sicuramente il Green Pass, la certificazione verde, partita inizialmente a piccoli passi, ha assunto un ruolo primario nel rientro alla vita normale di tutti noi, divenendo indispensabile per accedere a tutte quelle attività che prevedono, seppur leggero, un assembramento.

Questa politica ha spaccato in due il popolo, creando due fazioni di cui una convinta della sua necessarietà per garantire la sicurezza di tutti, e l’altra invece contraria poichè a parer loro anti-costituzionale e contro la libertà di scelta dell’individuo.

Polemiche a parte però il Green Pass c’è ed è vincolante, ed a quanto pare c’è chi ha pensato bene di sfruttarlo come tema per una truffa phishing, vediamo insieme di cosa si tratta.

 

Mail truffaldina

blank

La mail in questione sfrutta come tema fondante il Green Pass per attrarre l’attenzione e garantirsi la fiducia del lettore, puntando ad un pubblico certamente di età avanzata dal momento che la spina dorsale della mail si fonda sullo spiegare come utilizzarlo.

Si tratta però di un subdolo tentativo di rubare i vostri dati sensibili, i collegamenti ipertestuali infatti rimandano a pagine ingannevoli create appositamente per provare a sottrarvi i dati sensibili a voi legati.

Se dunque doveste avere degli oggettivi dubbi in merito il funzionamento del Green Pass, ricordatevi che esistono canali ufficiali per ricevere delucidazioni e aiuto, non date retta a questo tipo di mail dal momento che sono ingannevoli, fate attenzione e abbiate occhio scettico, le fonti autorevoli sono sempre le migliori.