Apple, Apple Store, iPhone, iPhone 13, Steve Jobs,Con l’ultimo aggiornamento, l’Apple Store presenta un nuovo pulsante “Segnala“. Consente agli utenti di segnalare se il software di un’app sembra sospetto, difettoso o se mostra segni di eventuali truffe.

Il pulsante ‘Segnala’ include un’opzione apposita “Segnala una truffa o una frode” nel menu a discesa, che semplifica la segnalazione dei problemi riscontrati in base alla categoria di riferimento. Prima di questo aggiornamento, gli utenti dovevano scorrere fino alla fine della scheda dell’app incriminata e scorrere attraverso più di un menu per poter segnalare un’app o contattare il supporto Apple.

Il nuovo pulsante implementato con iOS 15, è la risposta dell’azienda alle numerose segnalazioni degli utenti su app apparentemente consone che truffano gli utenti in un secondo momento. Ad aprile, ad esempio, è stato trovato un gioco da casinò segreto nascosto in un gioco di corridori senza fine pensato per i bambini.

Apple Store: nuovo pulsante “Segnala” per facilitare la segnalazione di app fraudolente

Sebbene le politiche delle grandi aziende tecnologiche siano spesso oggetto di critica, Apple ha un’attenzione senza eguali per il feedback dei suoi utenti. Tuttavia, i revisori umani pare non siano sufficienti. Entrambe le politiche di moderazione dell’App Store di Apple sono state recentemente messe in discussione durante la disputa con Epic Games. Grazie alla causa legale appena citata, è stato rilevato che solo 500 persone si occupano della revisione di circa 100.000 app ogni settimana.

I documenti emersi, che fanno parte del caso antitrust della società, citano Eric Friedman, capo dell’unità Fraud Engineering Algorithms and Risk (Fear) di Apple. Pare che il processo di revisione sia debole. Ha aggiunto che Apple non è ben attrezzata per “deviare sistemi sofisticati talvolta utilizzati dalle app ingannevoli”. L’azienda ha replicato ribadendo che il suo mercato è “significativamente più sicuro” di quello Android. Ha anche citato i dati del 2018, in cui emerge che la piattaforma dell’Apple “ha rappresentato solo lo 0,85% delle infezioni da malware” rispetto ad Android. Non è chiaro quale sia il processo adottato quando un’app viene segnalata tramite questo nuovo pulsante “Segnala”. Né se Apple stia apportando delle modifiche al suo staff per rimediare alla mancanza di personale.