bitcoin

Il CEO di JPMorgan Jamie Dimon ha rinnovato il passato scetticismo sui bitcoin in un’intervista televisiva con Axios pubblicata lunedì, avvertendo gli investitori che la criptovaluta non ha alcun valore reale.

Non ha alcun valore intrinseco“, ha detto Dimon in risposta a una domanda sul fatto che il bitcoin fosse simile al valore dell’oro.

Alla domanda se le autorità dovrebbero regolamentare le criptovalute, Dimon ha detto: “I regolatori lo faranno nel modo piu’ scrupoloso possibile“, aggiungendo che si trattava più di un’affermazione fattuale che morale.

Se le persone lo usano per evasione fiscale, traffico sessuale e ransomware, sarà regolamentato, che piaccia o no“, ha detto ad Axios.

Dimon è stato anche sulla questione del risarcimento da 31 milioni di dollari, che a luglio è stato rinnovato con circa 49 milioni di dollari in opzioni su azioni JPMorgan, secondo il Financial Times.

Non ci sono garanzie, e’ sopratutto questo il problema

“Il consiglio decide cosa fare“, ha detto. “Abbiamo un mercato libero in questo paese, e tutti dovrebbero poterne usufruire al meglio”.

Dimon è un critico di lunga data che ha cestinato i bitcoin come una “frode” e una perdita di tempo. A settembre, il capo di JPMorgan ha detto che non gli sarebbe importato se il prezzo del bitcoin aumentasse ulteriormente.

Ciò non significa che non possa aumentare di 10 volte il prezzo nei prossimi cinque anni”, ha detto Dimon al Times of India.

Le osservazioni critiche di Dimon sono in contrasto con il crescente interesse per le criptovalute da parte delle principali istituzioni finanziarie, incluso il suo stesso gruppo. A luglio, Insider ha riferito che sarebbe stata la prima grande banca a eseguire operazioni di criptovaluta richieste dai suoi clienti di gestione patrimoniale.