Home News Bollo auto, è ufficiale: ecco quando sarà cancellato

Bollo auto, è ufficiale: ecco quando sarà cancellato

Il 30 ottobre ci sarà la cancellazione del bollo auto ma solamente per alcune persone. Scopriamo di seguito chi può beneficiarne

bollo auto

Il bollo auto suscita sempre nei contribuenti una certa riluttanza. Fortunatamente però, il 2021 è un anno buono per tutti loro. Infatti, stanno per arrivare delle agevolazioni che consentono di non pagare il tributo. Il 30 ottobre 2021, diventeranno esecutivi dei provvedimento per la cancellazione del bollo auto. Il decreto Sostegni, varato dal governo Draghi, ha sancito l’eliminazione dei carichi pendenti per alcuni contribuenti.

I contribuenti, quindi, potranno beneficiare della cosiddetta Pace Fiscale, ma non tutti. Questa misura è stata necessaria per sgravare il carico di lavoro dell’Agenzia delle Entrate, così anche da cancellare le cartelle esattoriali che vanno dal 2000 al 2010. Ovviamente, tra queste, ci sono anche quelle che riguardano il bollo auto. Il condono, si applica a tutti coloro che hanno un reddito non superiore ai 30 mila euro.

Bollo auto: ecco quando avverrà la cancellazione

Quindi, per questi contribuenti sarà effettiva la cancellazione del bollo auto e avverrà entro il 30 ottobre. Questo perché entro il 20 agosto scorso è stato stilato un comunicato con l’elenco di tutto coloro che possono beneficiare del condono del decreto Sostegni. Dopo aver verificato con cura, l’Agenzia delle Entrare ha sancito la cancellazione per coloro che hanno un reddito non superiore ai 30mila euro annui.

In più, il calendario fissa altre date importanti: il concessionario a cui è stata affidata l’operazione dovrà entro il 15 novembre comunicare l’entità del rimborso che dovrà ricevere dal Ministero dell’Economia in base alla cancellazione del debito. Entro il 30 novembre, invece, il MEF inoltrerà la lista di tutti quelli che hanno potuto avere la cancellazione delle cartelle esattoriali. Il risarcimento avverrà in due rate: la prima entro il 2021 e la seconda entro il 30 giugno 2022.