Covid e vaccini: arriva la somministrazione con l'anti-influenzale

Una sola seduta per effettuare entrambe le vaccinazioni, sia quella contro l’influenza stagionale che quella contro il Covid. Il ministero della Salute ha infatti dato il via libera con la nuova circolare nella quale è possibile leggere tutto.

“Anche quest’anno la vaccinazione antinfluenzale sarà molto importante per proteggere al meglio soprattutto le persone più fragili”.

Visto che la campagna di vaccinazione contro l’influenza stagionale si sta avvicinando, ecco quanto recita la circolare:

”è possibile che alcune categorie di soggetti per le quali la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata e offerta gratuitamente siano allo stesso tempo eleggibili per la vaccinazione anti-SarsCoV2 (ad esempio gruppi target della dose addizionale o booster, persone over 60 non ancora vaccinate, etc)”.

Tenuto conto delle attuali indicazioni dalle principali autorità di Sanità Pubblica internazionali e dei dati preliminari, sarà possibile programmare la somministrazione dei due vaccini nella medesima seduta

 

Due vaccini insieme: ora sarà possibile

Una precisazione da parte del ministero che dichiara che sarà possibile effettuare la somministrazione:

“con l’eccezione dei vaccini vivi attenuati, per i quali può essere considerata valida una distanza minima precauzionale di 14 giorni prima o dopo la somministrazione del vaccino anti-SarsCoV2”

“a 15 giorni dalla somministrazione della terza dose del vaccino Moderna, rispetto a più varianti possiamo vedere un aumento della protezione di 23 volte rispetto alla mutazione D614G (la prima rilevante rispetto al ceppo originario di Wuhan), di 32 rispetto alla mutazione sudafricana e di 44 volte rispetto alla mutazione brasiliana. Dati simili a quelli rilevati per il booster Pfizer e indistintamente in giovani e anziani, nei quali si sono avuti drastici aumenti dei livelli anticorpali e della protezione da forme gravi e infezioni”.