bepicolombo 1

Due veicoli spaziali costruiti dall’Europa e dal Giappone hanno catturato il primo fotogramma che ritrae il pianeta Mercurio in un sorvolo del fine settimana, rivelando un mondo roccioso coperto di crateri.

Le due sonde collegate, conosciute insieme come BepiColombo, hanno scattato la loro prima immagine di Mercurio alla fine di venerdì (1 ottobre) durante un sorvolo che le ha spinte a fare il giro del pianeta. L’incontro ha segnato il primo di sei sorvoli, uno sforzo congiunto delle agenzie spaziali di Europa e Giappone nel tentativo di rallentare abbastanza da entrare in orbita nel 2025.

BepiColombo ha scattato la sua prima foto ufficiale di Mercurio alle 19:44 con la sua telecamera di monitoraggio, una telecamera di navigazione in bianco e nero, poiché la sonda si trovava a circa 2.418 chilometri di distanza dal pianeta, secondo l’Agenzia spaziale europea. Solo 10 minuti prima, alle 19:34 BepiColombo ha fatto il suo approccio più vicino a Mercurio, passando a 200 km dal pianeta.

Per la prima volta scopriremo i misteri di Mercurio

La regione mostrata fa parte dell’emisfero settentrionale di Mercurio, inclusa la Sihtu Planitia, che è stata inondata dalla lava. Un’area rotonda più liscia e luminosa dei suoi dintorni caratterizza le pianure intorno al cratere Calvino, che sono chiamate Rudaki Plains”, hanno scritto i funzionari dell’ESA in un descrizione della foto.

Si vede anche il cratere di Lermontov, largo 166 km, che sembra luminoso perché contiene caratteristiche uniche di Mercurio chiamate “cavità” in cui gli elementi volatili scappano nello spazio. Contiene anche una bocca dove si sono verificate esplosioni vulcaniche“.

L’ESA ha anche rilasciato un’immagine annotata che identifica i principali crateri di Mercurio nell’immagine di BepiColombo insieme alla foto grezza. Altre foto dovrebbero essere rilasciate nei prossimi giorni mentre vengono elaborate dal team scientifico.

Questa vista della prima foto di Mercurio identifica i principali crateri e altre caratteristiche individuate dalla telecamera di monitoraggio del modulo di trasferimento del mercurio 2 della missione durante un sorvolo dell‘1 ottobre 2021.

bepicolombo

La missione BepiColombo da 750 milioni di dollari consiste nell’utilizzare due diversi orbiter progettati per studiare Mercurio con un livello di precisione senza precedenti: ci sono un totale di 16 strumenti diversi. Il contributo dell’ESA è il Mercury Planetary Orbiter per studiare il pianeta dall’alto mentre il Mercury Magnetospheric Orbiter, costruito dalla Japan Aerospace Exploration Agency, studierà il campo magnetico del pianeta, l’ambiente del plasma e la polvere.

I due orbiter stanno viaggiando verso il loro pianeta target sul Mercury Transfer Module in un viaggio di sette anni iniziato con un lancio nel 2018. Finora, BepiColombo ha effettuato con successo quattro sorvoli di tre pianeti diversi: uno della Terra nell’aprile 2020, due di Venere (in ottobre 2020 e agosto 2021) e ora uno di Mercurio.

Il prossimo sorvolo di Mercurio è previsto per il 20 giugno 2022 e sarà seguito da altri quattro sorvoli a giugno 2023, settembre e dicembre 2024 e gennaio 2025. Se tutto va bene, BepiColombo dovrebbe entrare in orbita attorno a Mercurio il 5 dicembre 2025.