siria covid

Sia nella capitale siriana Damasco che in parti del Paese che si sono ribellate al suo dominio durante un decennio di guerra, le persone stanno affrontando lo stesso nemico: il COVID-19.

I letti di terapia intensiva si sono riempiti questo mese negli ospedali di tutta la nazione, ormai fratturata a causa di un’ondata di COVID-19. Cresce quindi anche la pressione accumulata sui sistemi sanitari distrutti dal conflitto e in mezzo a lente campagne di vaccinazione.

“Ci sono molti casi che necessitano di cure intensive e sfortunatamente spesso dobbiamo aspettare che un paziente venga spostato dal reparto o che muoia in modo che un altro possa sostituirlo“, ha detto Absi Mohamad Fouad, un medico in un ospedale di Idlib in il nord-ovest in mano ai ribelli.

Circa 4 milioni di persone vivono nel nord-ovest, di cui 1,7 milioni nei campi per gli sradicati dal conflitto.

Gli ospedali non possono più assorbire questo attacco“, ha aggiunto Fouad, affermando che i giovani sono stati colpiti più duramente da questa ondata. Tutti i 70 letti erano in uso nel suo ospedale e c’era una carenza di ossigeno, ha detto.

Più di 1.000 casi al giorno vengono registrati nel nord-ovest, spesso fino a 1.500, ha affermato Mark Cutts, vice coordinatore umanitario regionale delle Nazioni Unite per la crisi siriana.

L’appello dei medici

Siamo estremamente preoccupati. Questo è il picco più grande che abbiamo visto dall’inizio della pandemia nel nord-ovest della Siria. È simile in altre parti della Siria“.

È una situazione disastrosa. Gli ospedali sono completamente sopraffatti. Le persone muoiono a causa della mancanza di ossigeno“, ha detto. Meno del 2% delle persone nel nord-ovest è stato vaccinato.

Le campagne di vaccinazione hanno fatto progressi più lenti in Siria, dove la popolazione complessiva è di circa 18 milioni.

Nel nord-ovest, circa 117.000 persone hanno ricevuto almeno una dose, secondo le autorità sanitarie locali. La campagna del governo ha vaccinato circa 450.000 persone.

In un ospedale di Damasco questa settimana, i medici in abiti monouso e maschere per il viso si sono presi cura dei pazienti collegati all’ossigeno.

La situazione era così grave a un certo punto che i pazienti sono stati inviati a Homs per il trattamento, ha affermato Tawfik Hasaba, capo del servizio di ambulanza siriano. “Oggi uno dei pazienti infetti che aveva bisogno di cure è stato trasportato ad Hama“. Homs dista circa 140 km da Damasco e Hama 180 km.

Il più grande conteggio giornaliero di infezioni in questa ondata secondo il governo siriano è stato di 442.

Le cifre ufficiali dicono che ci sono state più di 31.000 infezioni e oltre 2.100 decessi correlati al coronavirus segnalati in Siria dall’inizio della pandemia lo scorso anno.