bollo-auto-come-calcolare-il-costo-effettivo-e-se-esentati

Oggi il risparmio è il primo guadagno. Perché spendere di più in tasse se si può risparmiare? Se non volete essere truffati dal bollo auto dovete dare un’occhiata a questo articolo. In poche righe scoprirete come calcolarlo e se è possibile addirittura non pagarlo. La tassa automobilista è tra le imposte più odiate e costose. Nessun italiano ama versare alle Regioni la somma dovuta ogni anno. Quindi scopriamo se potete evitare di spendere qualche soldo risparmiando.

 

Bollo auto: come calcolarlo in modo preciso

Calcolare quanto dovrete versare per il bollo auto non è difficile. Tra l’altro la prima scadenza di questa tassa era proprio ieri. Niente paura però perché chi potrebbe rientrare negli esonerati ha ancora tempo per fare richiesta.

Per poter calcolare nel modo più preciso possibile quanto può costarvi di bollo auto il vostro mezzo o quello che volete acquistare è necessario partire dai kilowatt della vettura. Per scoprire quanti ne ha il vostro veicolo potete consultare il libretto di circolazione al punto P.2. Inoltre sarà necessario anche conoscere la sua classe ambientale. Ecco l’elenco per il calcolo:

  • partiamo dai veicoli Euro 0 che fino a 100 kW pagano 3 euro a kilowatt e 4,50 euro per ogni kilowatt oltre i 100;
  • seguono i veicoli Euro 1 che fino a 100 kW pagano 2,9 euro a kilowatt e 4,35 euro per ogni kilowatt oltre i 100;
  • poi ci sono i veicoli Euro 2 che fino a 100 kW pagano 2,8 euro a kilowatt e 4,20 euro per ogni kilowatt oltre i 100;
  • continuiamo con i veicoli Euro 3 che fino a 100 kW pagano 2,7 euro a kilowatt e 4,05 euro per ogni kilowatt oltre i 100;
  • infine arriviamo ai più moderni veicoli Euro 4, Euro 5 ed Euro 6 che fino a 100 kW pagano 2,58 euro a kilowatt e 3,87 euro per ogni kilowatt oltre i 100.

Per verificare se potete essere esonerati dal pagamento del bollo auto il nostro consiglio è quello di accedere al sito della vostra Regione di residenza. Lì, in un’apposita sezione, troverete tutte le indicazioni che variano da Regione a Regione. Altrimenti potete telefonare agli uffici dove un consulente saprà darvi tutte le risposte in merito.

FONTEidealista.it