IPTV e Guardia di Finanza: beccati 240 utenti a Piacenza, ecco le multe

Succede ormai sempre più spesso che le persone diano adito alla pirateria di crescere ancora di più. Alcuni lo fanno in maniera inconsapevole ma la maggior parte di essi invece sanno benissimo che si tratta di un’opzione totalmente illegale. Le IPTV stanno infatti distruggendo il mondo della televisione a pagamento, dove i licenziatari arrancano ormai sempre di più. Proprio per tale motivo si sta cercando di codificare i canali al meglio, anche se poco si può contro sistemi sofisticati come quelli dei pirati del web. A tal proposito la Guardia di Finanza sta indagando in maniera costante sul territorio.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: gli utenti ora sono spalle al muro, la Guardia di Finanza ne ha identificati altri 240

Capita ormai sempre più spesso che la Guardia di Finanza riesca a giungere ad alcune conclusioni per quanto riguarda le indagini sulla pirateria. Durante gli ultimi giorni sono stati individuati 240 utenti che si servivano di un servizio pirata a Piacenza. Ora tutti saranno costretti a pagare una multa che partirà da 1000 €.

Il susseguirsi di azioni di contrasto sempre più frequenti ed efficaci sono il risultato della stretta collaborazione tra industria e forze dell’ordine, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’impegno nella lotta ad un fenomeno criminale che danneggia l’intera industria sportiva, dallo sport amatoriale, agli appassionati, fino ai detentori dei diritti e i broadcaster, distruggendo posti di lavoro e creatività“.