Covid e sessualità: la malattia potrebbe avere conseguenze negli uomini

Secondo quanto raccontato dalla dottoressa Barbara Gallavotti, il Covid potrebbe comportare problematiche all'organo genitale maschile e non solo

Covid e sessualità: la malattia potrebbe avere conseguenze negli uomini

Potrebbero esserci problematiche legate alla vita sessuale soprattutto degli uomini in seguito al Covid. Questo quanto raccontato dalla dottoressa Barbara Gallavotti alla trasmissione DiMartedì in onda su La7. Nel frattempo è sempre un bene sgomberare tutto da qualsiasi tipo di sospetto o complotto sull’esistenza o meno del Covid:

“Sembra proprio di no, in realtà a pesare è purtroppo sempre la malattia, il Coronavirus“.

 

Covid: uomini a rischio dopo la malattia? In alcuni casi potrebbe essere così

Pare dunque che la fertilità maschile possa essere messa a dura prova in alcuni casi:

Sembra che la malattia possa causare dei problemi nelfunzionamento dell’organo maschile, perché per funzionare al meglio ha bisogno di una corretta circolazione sanguigna e purtroppo il Covid può interferire pesantemente sulla salute della stessa circolazione. Sul ciclo mestruale femminile, ci sono stati casi di alterazione che secondo gli esperti potrebbero essere causati dallo stress da vaccino e sono comunque fenomeni temporanei e di breve durata”.

Ci sarebbero però situazioni analoghe anche per quanto riguarda il sesso femminile, soprattutto per quanto riguarda lo stato di gravidanza in seguito al grande stress subito. Sembra quindi che nessuno sia al sicuro sotto questo aspetto:

“L’ultimo punto è la gravidanza – chiosa poi la dottoressa Gallavotti, divulgatrice e autrice tv per Superquark -. I vaccini a mRna si sono mostrati estremamente sicuri per donne in gravidanza e allattamento, mentre il Covid espone a un rischio più grave le donne in gravidanza rispetto a quelle che non lo sono. Anche qui il consiglio è quello di vaccinarsi”.