Inspiration4

Sabato, il CEO di SpaceX  ha aiutato la missione Inspiration4 oltre il suo obiettivo di raccolta fondi donando 50 milioni al St. Jude Children’s Research Hospital.

Contami nella raccolta, donero’ 50 milioni di dollari”, ha twittato Musk sabato dopo che l’account Twitter ufficiale di Inspiration4 ha affermato che stavano ancora cercando di raggiungere il loro obiettivo.

Il tetto da raggiungere si trova sulla cifre dei 200 milioni di dollari per l’organizzazione. Il volo spaziale civile è stato lanciato mercoledì ed è tornato sulla Terra sabato.

La missione aveva precedentemente raccolto 60,2 milioni di dollari in donazioni, secondo quanto riferito dalla CNBC, e aveva anche visto 100 milioni arrivare dal membro e miliardario di Inspiration4 Jared Isaacman, prima che Musk si impegnasse a donare una cifra cosi impegnativa, portando l’importo totale a oltre 210 milioni.

La navicella spaziale di SpaceX, la Crew Dragon Resilience è stata lanciata mercoledì alle 20:02 ora locale dal Kennedy Space Center della NASA in Florida, decollando dallo storico Launch Complex 39A, punto di partenza delle missioni Apollo e Space Shuttle.

Dopo un concorso pubblicizzato durante il Super Bowl LV a febbraio, i membri finali dell’equipaggio sono stati annunciati alla fine di marzo e insieme hanno portato la capsula nello spazio più in alto di chiunque altro in quasi 15 anni.

Accanto a Issacman, 38 anni, l’equipaggio era composto da Hayley Arceneaux, una sopravvissuta al cancro di 29 anni e assistente medico presso il St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis. Nel Tennessee, geoscienziato e artista Dr. Sian Proctor, 51 anni e l’ingegnere Christopher Sembroski, 41 anni.

Il primo essere umano con un osteosarcoma nello spazio

Arceneaux, un ex paziente al St. Jude, è stato selezionato come capo ufficiale medico del volo alla fine di febbraio.

Dopo essere stata diagnosticata all’età di 10 anni con l’osteosarcoma, un tipo di cancro osseo che colpisce tipicamente le braccia o le gambe, ha subito un intervento chirurgico per sostituire parte del suo femore con una protesi interna che potrebbe essere espansa nel tempo senza ulteriori interventi chirurgici. Arceneaux è ora la prima persona con una protesi ad andare nello spazio.

L’unica cosa che mi entusiasma di più di questa missione è che salgo con un grosso bastone nella gamba”, ha detto in precedenza a PEOPLE, spiegando che aveva sognato di diventare un’astronauta quando era bambina. “Non avrei mai potuto essere un astronauta  perché avrei dovuto essere fisicamente perfetto, e non rientro in quella categoria. Adoro il fatto che questa missione stia cambiando le cose”.