phishing

Non è di certo un periodo semplice per tutti i correntisti italiani. Infatti, i suddetti sono inondati di truffe online messe in pratica in modo davvero esemplare, le quali possono essere anche molto pericolose. Quest’ultime vengono messe in atto mediante il mail phishing, e pare che stiano colpendo in maniera sempre più frequente banche molto importanti in Italia, come Unicredit, Bnl e Intesa Sanpaolo.

Le mail phishing che vengono inoltrate ai correntisti sono molto astute e lo scopo principale di queste è quello di andare a carpire i dati sensibili dell’utente che sono andati a colpire. Il modo di operare è molto semplice: inviano una mail dove sollecitano l’utente ad accedere al proprio home banking mediante un link che loro stessi forniscono.

Se si clicca su questo link, accediamo alla pagina del nostro home banking, la quale è in realtà una pagina fake creata appositamente da loro, dove inseriamo i nostri dati personali. Istantaneamente i vostri dati personali saranno inoltrati sui sistemi dei truffatori, i quali in men che non si dica svuoteranno il vostro conto corrente.

Phishing: come difendersi da queste truffe

Molti utenti, come abbiamo visto, purtroppo cadono in questa trappola architettata fin troppo bene. Fortunatamente, però, esistono dei metodi molto validi per evitare che tutto quello di cui vi abbiamo parlato sopra accada.

La prima cosa da fare è quella di prestare quanta più attenzione è possibile, e questo sarebbe già un modo per salvarsi da queste truffe. Se siamo abbastanza attenti, andremo a controllare se quella determinata mail è realmente della banca o meno. Anche se è importante sapere un particolare: in rarissimi casi la propria banca inoltrerà delle mail che esortano l’utente ad accedere all’home banking. Quindi, in ogni casi, vi consigliamo vivamente di cancellare queste mail e far finta di nulla.