blank

Il social network attualmente più adoperato al mondo è senza alcun dubbio Instagram, ogni smartphone nel mondo infatti ha quasi sicuramente installata l’omonima app, la quale vanta miliardi di accounts attivi, vi siete mai chiesti però se l’app fosse dannosa o meno per chi ne fruisce ? Ebbene c’è chi lo ha fatto e tra l’altro si tratta dell’azienda proprietaria del marchio, Facebook, la quale stando a quanto emerso e dichiarato dal Wall Street Journal, ha condotto per anni delle ricerche sul pubblico che usa Instagram, constatando come il social ha conseguenze dannose su gran parte dei suoi milioni di giovani utenti, e in particolare sulle teenager.

Ad affermarlo sono i documenti stessi di Facebook, ottenuti dal Wall Street Journal.

 

Gli elementi chiave

  • Facebook avrebbe condotto delle ricerche sugli utenti che usano Instagram da almeno 3 anni, solo che non ha ancora divulgato i dati emersi da queste analisi secondo un’inchiesta del WSJ.
  • Il giornale ha ottenuto e diffuso delle diapositive tratte da presentazioni in cui i ricercatori esponevano le conclusioni delle ricerche fatte le quali, si concentravano soprattutto sulla salute mentale delle teenager, constatando come il social fosse dannoso creando problemi connessi al proprio aspetto fisico in una adolescente su tre.
  • Lo studio interno ha espresso come le teenager accusino Instagram di aumentare il loro senso di ansia e di depressione.
  • Tra le teenager che accusano di aver avuto pensieri suicidi, è emerso che il 13% delle britanniche e il 6% delle statunitensi riconducevano la causa a Instagram.
  • I ricercatori hanno sottolineato come questi problemi sono caratteristici solo di Instagram, il quale si focalizza sul corpo e sullo stile di vita, portando il confronto sociale ai peggiori estremi.