blank

Al giorno d’oggi gli smartphone possono essere considerati dei veri e propri scrigni del tesoro, solo che, invece di essere colmi di preziosi e brillanti, sono pieni di dati, ritenuti nella nostra epoca i tesori dell’informatica, essi infatti possono contenere informazioni importanti in merito il proprietario del device, anagrafiche o anche codici bancari.

Tale contesto rende gli smartphones una preda decisamente succulenta per gli hackers, i quali sono indubbiamente interessati a questa tipologia di dati, dal momento che sono sfruttabili per una miriade di reati, dal furto di identità al ricatto.

Per riuscire ad appropriarsene gli hackers sfruttano i malware, dei software che, sfruttando delle banali app dropper, si insediano nel dispositivo prendendone il controllo e iniziando a copiare tutti i dati in essi contenuti, ovviamente nascondendosi onde evitare l’eliminazione.

 

Come liberarsene

Se dunque vi siete resi conto che il vostro smartphone è stato infettato da un malware, quello che dovete fare innanzitutto spegnere il cellulare, dopodichè, rimuovete SD e SIM e seguite la seguente procedura:

  • Accendete il device con la combinazione tasti: Power e Volume+
  • Una volta fatto esso accederà al menù recovery
  • Entrati in suddetto menù usando i tasti volume recatevi presso la sezione wipes e selezionatela con il tasto power
  • All’interno della sezione wipes eseguite prima la voce “Wipe data factory reset” e poi quella “Wipe dalvik cache”

Così facendo effettuerete un hard reset del dispositivo, il quale tornerà allo stato antecedente l’acquisto, eliminando così ogni software malevolo installato e ogni modifica al kernel possibile, tornando dunque ad un perfetto funzionamento.