conto in banca

Sono numerose le truffe in rete che coinvolgono i clienti delle principali banche italiane. Anche in queste ultime settimane, i correntisti di istituti di credito molto famosi come BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo hanno avuto a che fare con tentativi di phishing creati appositamente da malintenzionati della rete.

 

Banche, occhio alle truffe per Unicredit, BNL, Intesa

Il pericolo maggiore per gli utenti Unicredit, BNL e Intesa è rappresentato ancora una volta dalle mail e agli SMS fasulli. Spesso e volentieri i malintenzionati inviano ai correntisti delle principali banche italiane una serie di messaggi fake con chiusura improvvisa del conto corrente o con spese non realmente effettuate in oggetto. L’obiettivo dei malintenzionati è molto semplice: spingere i lettori a cliccare su di un apposito link in allegato.

Attraverso questo metodo oramai consolidato, i clienti delle banche italiane sono portati a condividere senza il loro consenso le informazioni riservate. Per i correntisti Unicredit, BNL, Intesa in primo luogo potrebbe essere il pericolo di essere coinvolti in campagne pubblicitarie.

Attraverso le truffe delle banche, i cybercriminali riescono poi anche ad attivare una serie di servizi a pagamento sugli smartphone delle vittime. Molti utenti di TIM, Vodafone e WindTre proprio con queste dinamiche hanno perso tanti euro in credito residuo nelle precedenti settimane.

L’attenzione maggiore del pubblico però deve essere rivolta ai propri risparmi. Sempre i cybercriminali, con i messaggi phishing cercano di intercettare i dati home banking delle vittime. Con la condivisione di queste informazioni, il rischio di perdere denaro potrebbe essere alto.