nostradamus-covid-riscaldamento-globale-terzine-profetiche

Bisogna ammetterlo, oggi i temi apocalittici catturano l’attenzione della maggioranza delle persone. Molto probabilmente, tutti siamo stati segnati dallo scoppio così repentino e violento della pandemia che ha risvegliato in diversi l’interesse per profezie catastrofiste di autori antichi quali, ad esempio, Nostradamus. Ma la fine del mondo è davvero vicina? Dal Covid al riscaldamento globale, ecco le interpretazioni moderne sulle terzine profetiche di Nostradamus.

 

Nostradamus avrebbe profetizzato il Covid-19 e il riscaldamento globale

In sostanza, secondo nuovi interpreti, Nostradamus avrebbe profetizzato il Covid-19 e anche il riscaldamento globale. Le terzine che confermano questo sono contenute nel suo famoso libro scritto nel 1955, Le Profezie.

Una serie di veggenze che hanno catturato l’attenzione dei più. Nostradamus, bisogna ammetterlo, è dal ‘500 che tiene banco con le sue profezie sulla fine del mondo. Ma oggi giorno sembra riscontrare un successo ancora più grande di un cantante famoso.

Ma quali sono le terzine che, secondo alcuni, avrebbero predetto il Covid-19? Una in particolare che recita: “La grande piaga della città marittima non cesserà fino alla morte del giusto sangue“.

A un primo sguardo due elementi combacerebbero con lo scoppio del Coronavirus: “la grande piaga“, ed è la più evidente somiglianza con la situazione mondiale della pandemia, e “la città marittima“, perché effettivamente il SARS-CoV-2 si è diffuso da Wuhan che, con molto impegno, si affaccerebbe sul mare.

Ora veniamo a noi e a Nostradamus, o meglio agli interpreti di questo astrologo. Per prima cosa, Wuhan dista dalla costa circa 900 km, quindi non è una “città marittima“, anche se fa parte della provincia di Hubei ed è bagnata da diversi fiumi e laghi. Inoltre, “la grande piaga” è un descrizione alquanto generica che potrebbe comprendere molte cose.

 

Lo scioglimento dei ghiacciai

Che dire invece sul riscaldamento globale? Nostradamus ha predetto anche questo? Una sua terzina infatti dice: “Vedremo l’acqua che sale e la terra che cade sotto di essa“. Anche qui, essendo frasi poco precise e molto generiche potremmo far dire loro quello che vogliamo. Ad esempio, nubifragi e tempeste o, come precedentemente detto, anche lo scioglimento dei ghiacciai.

Addirittura alcuni vedono anche nella situazione in Afghanistan una profezia di Nostradamus. La fantasia o il delirio, come preferite voi, non ha mai fine.

Insomma, da qui a dire che Nostradamus aveva predetto tutto per filo e per segno la situazione mondiale attuale è davvero esagerato. Attenzione a non cadere nella trappola di queste fake news così emozionali da essere facili predatori sul web.