blankLa Cina ha annunciato le nuove restrizioni in vigore da qualche giorno che bannano i videogiochi per i minorenni. Per gli utenti con meno di 18 anni sarà possibile giocare solo per un totale di ore predefinito.

Il governo ha stabilito che i giovani possono trascorrere solo tre ore a settimana giocando con i videogiochi. All’inizio del mese corrente, i media cinesi hanno descritto i videogiochi come “oppio per la mente” e “droghe elettroniche“. I genitori approvano queste normative così vincolanti. La scelta dei genitori di supportare questa legge bizzarra è dovuta al rendimento scolastico dei propri figli, il quale pare sia nettamente inferiore a causa del tempo trascorso giocando tutti i giorni con i videogiochi.

Cosa include il ban imposto dalla Cina per i videogiochi?

Le varie aziende possono rendere disponibili i videogiochi per i minorenni solo il venerdì, il sabato, la domenica e i giorni festivi tra le 20:00 e le 21:00, per un totale di tre ore settimanali. Tutti i giochi online devono utilizzare un sistema di verifica per impedire agli utenti di raggirare le piattaforme mentendo sull’età effettiva. Oltre ai videogiochi più popolari, le restrizioni si applicano anche a giochi sportivi, gli scacchi, e così via.

Secondo i media, circa il 62,5% dei cinesi con un’età inferiore ai 18 anni gioca spesso online. Il 13,2% degli utenti minorenni gioca sui dispositivi mobile più di due ore al giorno nei giorni feriali. Il Paese ha istituito delle cliniche che combinano terapia ed esercitazioni per curare i cosiddetti “disturbi dovuti al gioco”. Il governo cinese ritiene che i giovani siano “ancora nella fase di sviluppo fisico e mentale, ”il loro autocontrollo è relativamente debole”. Limitare l’uso dei videogiochi porterà i minori a “praticare attivamente esercizio fisico, attività per socializzare e varie attività ricreative salutari e benefiche”. Anche i crescenti tassi di miopia sono preoccupanti.

Il piano della Cina per contrastare gli effetti negativi dei videogiochi

La Cina ha avuto una relazione tumultuosa con i videogiochi. Le console sono state vietate nel paese tra il 2000 e il 2014. Nel 2017, Tencent Holdings ha dichiarato che avrebbe limitato il tempo di gioco per alcuni giovani utenti, in risposta alle lamentele di genitori e insegnanti. L’anno dopo, citando le preoccupazioni per i crescenti tassi di miopia, Pechino ha sospeso le approvazioni dei nuovi videogiochi per nove mesi. Nel 2019 ha iniziato a ridurre le ore settimanali concesse, fino ad arrivare all’accordo odierno.

Le regole possono essere aggirate?

Alcuni bambini potrebbero utilizzare l’identità di un genitore o acquistare credenziali di utenti maggiorenni per aggirare l’autenticazione, riferisce Xinhua. Tuttavia, spiega anche che la soluzione a questo problema è una maggior supervisione da parte dei genitori. Il People’s Daily – principale quotidiano del Partito Comunista cinese – ha dichiarato che non c’è spazio per il compromesso e la negoziazione sulle nuove misure, come riportato dal Wall Street Journal. Il “segnale inviato da questa strategia è molto chiaro: il governo può essere spietato“, afferma il quotidiano cinese.