Microsoft, Windows 11, Windows 10, sistema operativo, update, requisiti minimi

Dopo il grande subbuglio creato da Microsoft a seguito dell’annuncio di Windows 11 e dei suoi requisiti, che hanno escluso per motivi di sicurezza la maggior parte degli utenti, sta per arrivare il momento clou, si parte il 5 Ottobre, l’azienda di Redmond ha infatti annunciato che quella sarà la data in cui inizierà il roll out di Windows 11, che diventerà disponibile come aggiornamento tramite Windows update per coloro che hanno un sistema ritenuto compatibile.

Anche se il roll out inizierà il 5 Ottobre, come avvenuto per le precedenti versioni dell’OS, la distribuzione avverrà ad ondate, non tutti riceveranno subito il sistema operativo dunque, si inizierà prima con gli utenti idonei, dopodiché nelle settimane e mesi successivi l’OS verrà rilasciato per tutti gli altri.

 

Le funzionalità arriveranno man mano

“Seguendo gli straordinari insegnamenti di Windows 10, vogliamo assicurarci di offrirti la migliore esperienza possibile” ha dichiarato il direttore generale del marketing, Aaron Woodman, spiegando che l’obbiettivo è quello di far avere entro il 2022 Windows 11 a tutti coloro ritenuti idoneo a riceverlo come aggiornamento gratuito.

Non tutte le funzionalità però saranno disponibili fin da subito, ad esempio il supporto per le app Android, ottenuto grazie alla collaborazione di Amazon e Intel, arriverà in seguito tramite un aggiornamento e solo dopo aver concluso una fase di est con gli insiders.

Ricordiamo anche che Microsoft ha chiarito anche la questione in merito i requisiti, chi non li rispetta completamente, potrà comunque installare il sistema tramite le ISO, solo che resterà catalogato in uno stato di non supportato, dunque potrebbe non ricevere gli aggiornamenti delle funzionalità e persino le patch di sicurezza.