La carenza di componenti continua a creare problemi per la distribuzione di Sony PlayStation 5. A svariati mesi di distanza dal lancio ufficiale, continua ad essere quasi introvabile online e del tutto assente sugli scaffali dei vari negozi.

Per aggirare in parte questo problema ed iniziare a soddisfare l’enorme richiesta degli utenti, Sony ha commercializzato un nuovo modello di PS5 la quale monta un dissipatore più piccolo rispetto al modello iniziale.

PS5 con dissipatore più piccolo, sarà davvero un problema?

Già qualche tempo fa venne fatto notare un nuovo brevetto depositato da parte di Sony riguardante una nuova console con un peso diminuito di circa 300 grammi.

Il noto YouTuber Austin Evans ha deciso di investigare su questo nuovo modello ed ha dunque deciso di mettere a confronto i due modelli di casa Sony. Nel suo video ha di fatto smontato entrambe le console e analizzato le minime differenze.

blank
I due modelli a confronto, a sinistra il vecchio, a destra il nuovo

Quella che però risalta su tutte riguarda il dissipatore. Dalla foto si vede chiaramente che quello montato sul nuovo modello è nettamente più piccolo rispetto al modello originale.

Questo porta ad un ovvia riduzione della capacità di raffreddamento di questa componente. Allo stesso tempo però la nuova ventola sembra essere più performante della vecchia. Questo potrebbe permettere alla console di non subire perdite a livello prestazionale.

Ovviamente per avere risposte precise servirà del tempo, così da vedere come si comportano le componenti nel lungo termine. Secondo Austin Evans, Sony ha puntato molto sul raffreddamento della console al lancio per evitare i problemi riscontrati sulla vecchia generazione.

A quasi un anno dall’inizio della distribuzione però, potrebbe aver raccolto abbastanza dati da poter ridimensionare il sistema di raffreddamento senza avere problemi di alcun genere.

blank

Bisogna precisare che i test effettuati dallo YouTuber monitorano le temperature in uscita dalla console. Non viene mai misurata l’effettiva temperatura del chipset all’interno della nuova PlayStation 5.

Come già detto, bisognerà aspettare e vedere come si comporteranno le componenti nel lungo termine, specialmente con l’uscita di giochi ed accessori che sfrutteranno al massimo le capacità della console.