Apple, iPhone 13, iPhone 12, notch, display, designApple ha apportato modifiche radicali all’App Store per rispondere alle accuse dell’ultima class action. La decisione potrebbe consentire agli sviluppatori di pubblicizzare altri modi di pagare i servizi offerti tramite app, procedura vietata fino ad ora.

Queste modifiche sono una delle numerose concessioni proposte dall’azienda per evitare ulteriori cause legali da parte degli sviluppatori nel bel mezzo delle indagini su presunti comportamenti anticoncorrenziali. I critici la definiscono una “falsa offerta”. Quando un utente paga per un’app sull’Apple store o effettua un acquisto per prodotti digitali, Apple prende una quota dagli sviluppatori, tra il 15% e il 30% su ogni acquisto.

Se un cliente si abbona al di fuori dell’app, ad esempio sul sito Web del creatore, Apple non prende una percentuale. Fino ad ora, gli sviluppatori non erano autorizzati a contattare gli utenti con opzioni di pagamento alternative. Le regole per le transazioni effettuate all’interno delle app stesse rimangono invariate. Non sono consentite le notifiche push che inducono le persone a pagare al di fuori dell’app.

Apple spiega che gli utenti dovranno acconsentire ad essere contattati dagli sviluppatori e devono avere l’opportunità di rinunciare. Meghan DiMuzio, direttore esecutivo della Coalition for App Fairness (CAF), replica: “La finta offerta di Apple non è altro che un disperato tentativo di evitare il giudizio di tribunali, regolatori e legislatori di tutto il mondo”.

Apple vs tutti; nuovo App Store per rimediare ai danni delle ultime cause legali

“Questa offerta non risolve i problemi strutturali e fondamentali che devono affrontare tutti gli sviluppatori, grandi e piccoli, che minano l’innovazione e la concorrenza nell’ecosistema delle app. “Consentire agli sviluppatori di comunicare con i propri clienti su prezzi più bassi al di fuori delle loro app non è una concessione”. Sottolinea ulteriormente il controllo totale di Apple sul mercato.

“Se questo accordo viene approvato, ai produttori delle app sarà comunque impedito di comunicare prezzi più bassi o di offrire opzioni di pagamento concorrenti all’interno delle loro app. Non ci lasceremo placare da gesti vuoti. Continueremo la nostra lotta per piattaforme digitali eque e aperte”.

Se approvate dal giudice, Apple applicherà le nuove regole a livello globale. In un ulteriore tentativo di placare gli sviluppatori, l’azienda prevede di rendere i prezzi più flessibili entro la fine del 2022. La società pubblicherà anche un nuovo rapporto che rivela il numero di app rifiutate sullo store. Steve Berman, uno degli avvocati che rappresentano gli sviluppatori nel caso, afferma: “Questo accordo conquistato porterà miglioramenti significativi agli sviluppatori iOS che distribuiscono i loro prodotti digitali attraverso l’App Store, in particolare per piccoli sviluppatori”.

“Inoltre, la creazione del Programma di assistenza per gli sviluppatori, come il Programma per le piccole imprese, non potrebbe arrivare in un momento migliore, data la pandemia”. Phil Schiller, Apple Fellow che supervisiona l’App Store, risponde: “Fin dall’inizio, l’App Store è stato un miracolo economico; è il luogo più sicuro e affidabile in cui gli utenti possono ottenere app. Inoltre, è un’incredibile opportunità di business per gli sviluppatori. Vorremmo ringraziare gli sviluppatori che hanno lavorato con noi per raggiungere questi accordi a beneficio di tutti i nostri utenti”. Apple, insieme al proprietario di Android/Google, deve anche affrontare un’azione legale con il produttore di Fortnite, Epic Games, per motivi simili.