profezie

Tornano di moda le profezie grazie ad un predicatore famoso in America. In pratica, in un lungo video questo predicatore chiamato Begley avverte la popolazione parlando di inondazioni improvvise, uragani e mareggiate “apocalittiche“.

Inveisce anche sugli incendi, sul caos in Afghanistan, sul recente terremoto ad Haiti, sugli attacchi informatici agli Stati Uniti, sostenendo che le sue ricerche astronomiche forniscono “segni” di eventi catastrofici.

Nel frattempo, la California sta vivendo la sua seconda stagione di incendi più grande, la Grecia è in fiamme e l’intero Paese sta bruciando.

Ci sono eventi catastrofici ovunque, inclusi cinque terremoti che hanno colpito l’Alaska. Anche le correnti dell’Oceano Atlantico stanno rallentando e questo provocherà il caos sulla terra. Cosa sta causando tutte queste cose?”.

Il profeta spiega che potrebbero essere le calotte polari che si stanno spostando come profetizzato in Isaia 24. E continua elencandoi recenti terremoti a Porto Rico e in Indonesia.

Non è la prima volta che predica la fine del mondo

A Begley piace usare la sua predicazione online citando la Bibbia e spesso fa riferimento alla fine dei giorni. Il teorico ritiene che la fine del mondo avverrà a causa di massicce eruzioni vulcaniche.

La Geographical Society ha precedentemente affermato che la Terra potrebbe essere spazzata via da un’eruzione “super-vulcanica“, anche se ciò potrebbe accadere in circa un milione di anni, secondo un rapporto del 2017.

Nonostante le precedenti previsioni di Begley finora non si sono mai realizzate, ha basato le sue ultime idee su una recente ricerca dell’Università di Cambridge.

Tuttavia, l’istituzione afferma che gli scienziati stanno ora scongiurando il rischio di eruzioni “super-vulcaniche“. Invece, gli esperti stanno esaminando eruzioni più piccole nei punti chiave globali “che creano effetti domino devastanti“, secondo il rapporto dell’università.

Il terribile avvertimento di fine giornata di Begley arriva mesi dopo aver previsto erroneamente che Doomsday ci avrebbe colpito il 21 dicembre 2020.

Ha affermato che potrebbe accadere a causa di un certo allineamento planetario.