marte

Perseverance è atterrato all’interno del cratere Jezero su Marte lo scorso febbraio, in una missione alla ricerca di segni di vita e per raccogliere dozzine di campioni per il futuro ritorno sulla Terra.

Il 6 agosto, il robot ha tentato di immagazzinare il primo di quei campioni, ma le cose non sono andate secondo i piani: la roccia, perforata da Perseverance, si è rivelata sorprendentemente morbida, rompendosi in pezzi friabili che non hanno reso efficace la conservazione nel tubo di campionamento.

Da allora, il rover ha percorso 455 metri di distanza fino a una cresta scoscesa che la squadra della missione chiama “Citadelle” (in francese “castello”).

La cresta è ricoperta da uno strato di roccia che sembra resistere all’erosione del vento,  segno che la struttura stesso delle rocce regga durante la perforazione”, hanno scritto i funzionari del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA nel sud della California, che gestisce la missione di Perseverance. un aggiornamento giovedì 26 agosto.

Il team del rover ha individuato un luogo particolarmente invitante a Citadelle, una roccia soprannominata “Rochette“. Nei prossimi giorni, Perseverance utilizzerà uno strumento all’estremità del suo braccio robotico lungo 2,1 metri per rompere la roccia, consentendo ai membri del team di missione di dare un’occhiata nel sottosuolo. La prossima settimana piloteranno Perseverance perforando Rochette e raccogliere un campione, che si spera venga conservato in uno dei 42 tubi rimanenti del rover.

Un upgrade per il robot

E il team della missione ha aggiunto un passaggio nel processo di campionamento per questo tentativo, per assicurarsi che Perseverance non collezioni un altro tubo vuoto. Dopo la perforazione e il campionamento, il rover si fermerà, dando al team il tempo di rivedere le foto del tubo catturate dal potente sistema di imaging Mastcam-Z. Il robot sigillerà il tubo solo se quelle foto mostrano che contiene effettivamente un campione, hanno detto i funzionari della NASA.

Restituendo campioni sulla Terra, speriamo di rispondere a una serie di domande scientifiche, inclusa la composizione dell’atmosfera di Marte“, ha detto nell’aggiornamento di giovedì lo scienziato del progetto Perseverance Ken Farley, che ha sede presso il California Institute of Technology di Pasadena. “Ecco perché siamo interessati a un campione atmosferico insieme a campioni di roccia“.

La NASA e l’Agenzia spaziale europea stanno collaborando per riportare i campioni di Perseverance sulla Terra. Il materiale marziano potrebbe atterrare qui già nel 2031, se tutto va bene.