hacker-sicurezza-attenzione-messaggi-3-banche-truffe

Se avete un conto corrente attivo in una di queste 3 banche fate attenzione, siete sotto attacco hacker. Si tratta di pericolose truffe realizzate per rubarvi tutti i risparmi depositati. L’obbiettivo dei cybercriminali è quello di accedere al vostro Home Banking e realizzare operazioni di conto a loro favore senza che la vittima se ne accorga. La tecnica è sempre quella, allarmare il cliente. Scopriamo questi marchingegni e le trappole messe in atto.

 

Hacker: sotto attacco i clienti di 3 banche famose

Purtroppo è vero, sono finiti sotto attacco hacker i clienti di queste 3 banche famose. Stiamo parlando di Intesa Sanpaolo, UniCredit e BNL. Senza alcuna differenza, questi criminali realizzano quotidianamente messaggi di testo email o SMS che, apparentemente, sembrano essere stati inviati dal proprio istituto di credito.

Il contenuto dei messaggi varia di volta in volta, ma l’obbiettivo è sempre quello: spaventare l’utente per spingerlo ad agire e così collegarsi al link contenuto nel testo. Questo infatti porta la vittima a collegarsi su una pagina fraudolenta identica a quella di accesso all’Home Banking di Intesa Sanpaolo, UniCredit e BNL. Una volta che il malcapitato inserisci le proprie credenziali, gli hacker avranno accesso completo al suo conto corrente online.

Da qui il secondo passaggio, un attacco vishing attraverso chiamata Call Center. Un finto operatore si spaccerà per un dipendente dell’ufficio frodi di una di queste tre banche. Convincendo il cliente di essere la sua unica soluzione per bloccare un accesso fraudolento, invierà tramite SMS dei codici OTP che il malcapitato crederà essere codici risolutivi.

Al contrario gli hacker esperti si confezioneranno un bel bonifico inviandoselo senza lasciare traccia alcuna. Così la vittima si ritroverà senza soldi e consapevole di essere stata derubata.

 

Alcuni consigli per non cadere nella trappola dei cybercriminali

Qualsiasi esso sia, ogni attacco spingerà l’utente a rivelare informazioni sensibili e personali agli hacker che hanno realizzato la truffa online. Quindi è chiaro che per non cadere vittima di questi cybercriminali bisogna necessariamente seguire questi consigli:

  • mai cliccare su link di dubbia provenienza. Nessuna banca invia ai propri clienti email o SMS con la possibilità di accedere direttamente alla pagina dell’Home Banking;
  • se si è raggiunti da un operatore Call Center della propria banca, la richiesta di dati personali e credenziali di accesso dovrebbe subito farvi dubitare. Si tratta di un hacker ed è bene chiudere immediatamente la comunicazione.

Concludiamo col segnalarvi un pericoloso raggiro attenzionato anche da Adiconsum. Si tratta delle truffe del finto Green Pass realizzate su WhatsApp e Telegram. Messaggi e canali davvero pericolosi che hacker esperti hanno realizzato a dovere per mietere più vittime possibili.