smartphone

Sono ormai diventati di uso quotidiano gli smartphone nella nostra vita. Di fatti, ci sono milioni di persone che fanno davvero ogni cosa con questi dispositivi. Un particolare che molti non sanno è che ci sono diversi smartphone del passato che, anche se non disponevano di tutte le funzioni che hanno i dispositivi odierni, sono rimasti nella storia della telefonia e non solo, possono anche valere davvero tanti soldi.

Ci sono infatti molti collezionisti che farebbero ogni cosa per riuscire ad accaparrarsi anche solamente uno di questi modelli che a breve andremo a vedere. Ciò perché, come specificato poc’anzi, possono valere un mucchio di denaro anche grazie al fatto che sono molto rari. Andiamo a scoprire di seguito di quali smartphone stiamo parlando.

 

Smartphone antichi: ecco i modelli che vanno a ruba

Sicuramente avrete sentito tanto parlare delle funzioni che offrivano queste straordinarie pietre miliari della telefonia. Infatti, le uniche cose che si potevano fare, ma che venivano fatte in maniera impeccabile, erano quelle di effettuare chiamate vocali e inviare SMS con testo semplice. Dunque, non avevamo di certo a disposizione le app o i sistemi operativi che abbiamo oggi, e di tutto ciò ne giovava uno strumento molto prezioso come la batteria, di cui oggi molti utenti si lamentano. Andiamo a vedere quali sono i modelli del passato che oggi possono valere davvero una fortuna:

  • Ericsson T28 (valore 100 euro);
  • Nokia 8810 (valore 100 euro);
  • Nokia 3310 (valore 150 euro);
  • Motorola Razr V3 (valore 150 euro);
  • Motorola StarTAC (valore 150 euro);
  • Nokia E90 Communicator (valore da 200 a 500 euro);
  • Nokia 9000 Communicator (valore 500 euro);
  • Mobira Senator (valore 1000 euro);
  • Apple iPhone 2G (valore da 400 a 1000 euro);
  • Motorola DynaTAC 8000x (valore 1000 euro).