blank

Pochi giorni fa il noto social di condivisione a pagamento di contenuti aveva rilasciato una nota ufficiale che aveva la risonanza di un terremoto, OnlyFans infatti aveva annunciato di voler procedere al ban completo di tutti contenuti per adulti dalla propria piattaforma, una decisone che aveva scosso profondamente la community impegnata e che guadagnava fior di quattrini e giunta a seguito delle numerose pressioni esercitate dalle aziende impegnate nella gestione dei pagamenti.

L’azienda accasata a Londra aveva infatti ricevuto delle pressioni davvero estenuanti dalle agenzie di pagamento, cosa che unita al pesante report dell’editorialista del New York Times, Nicholas Kristof, avevano portato i piani alti a decidere una volta per tutte verso il ban dei contenuti per adulti ritenuti ormai fuori controllo, o almeno cos’ì sembrava.

 

Il dietrofront radicale

Dopo la decisione così pesante OnlyFans ha deciso di tornare sui suoi passi, la nota piattaforma infatti non procederà al ban dei contenuti per adulti a partire da Ottobre come aveva annunciato, una notizia che ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla stragrande maggioranza dei content creators presenti.

La decisione è arrivata all’improvviso senza una spiegazione ad accompagnarla, la quale però potrebbe risiedere nell’incredibile mole di denaro che tale tipologia di contenuti muove, la quale porta OnlyFans a fatturare la bellezza di 3,09 miliardi di dollari all’anno, cifra che a seguito di un ban come quello precedentemente annunciato avrebbe visto un corposo ridimensionamento.

I vari creatori di contenuti possono dunque tirare un sospiro di sollievo, il peggio sembra essere passato almeno per ora.