Gli smartphone e da un paio di anni anche gli smartwatch sono diventati dei protagonisti importanti nelle nostre vite, essi infatti si sono profondamente cuciti nel tessuto sociale e ci consentono di restare perennemente connessi con il mondo, merito delle loro funzionalità davvero importanti e utili.

A quanto pare però, il loro ruolo alle volte va ben oltre il semplice contesto di strumenti digitali, forse addirittura oltre il loro concetto di progettazione, è questo il caso di un Apple Watch che ha tirato in ballo una banda di criminali e un trafficante in quella che sembra più una storia poliziesca, la seconda che tira in ballo Apple dopo il leaker spia.

 

L’accaduto

blank

Come riportato dal celebre New York Post, un gruppo di banditi avrebbe posizionato un Apple Watch sotto il paraurti di un veicolo di un trafficante che sapevano avrebbe a breve intascato un’ingente somma di denaro, ben 500.000 dollari.

I malviventi hanno seguito il narcotrafficante sfruttando il GPS integrato all’interno dello Smartwatch fino all’hotel in cui alloggiava, una volta raggiunto hanno poi spaccato il finestrino dell’auto per appropriarsi del lauto malloppo, arrivando però troppo tardi in quanto il trafficante aveva già prelevato l’intera somma.

Non contenti i ladri hanno deciso di appostarsi nell’hotel e una volta individuata la vittima, hanno provveduto a malmenarla per poi entrare in possesso delle chiavi della stanza all’interno della quale hanno rinvenuto il borsone con il bottino in contanti.

Soddisfatto del proprio lavoro uno dei rapinatori ha deciso di scattare una foto con il malloppo in bella vista, mossa fatale in quanto proprio quella foto è stata utile alla polizia per individuare i colpevoli e arrestarli tutti quanti.