TeslaTesla sta costruendo un robot umanoide che prende il nome di Tesla Bot, annunciato durante l’evento AI Day dell’azienda.

Il robot utilizzerà la stessa intelligenza artificiale che l’azienda di auto elettriche utilizza per i suoi veicoli. Sarà alto circa 173 centimetri, peserà circa 57 kg e sarà costruito con “materiali leggeri” e il supporto per un display. Musk annuncia che il robot è “destinato ad essere amichevole e ad adattarsi al mondo degli umani”, ma sarà un robot “meccanico“.

Il sito web di Tesla afferma che questo robot è l’ideale per lavori “non sicuri, ripetitivi o noiosi”. “Essenzialmente, in futuro, il lavoro fisico sarà una scelta. Se vuoi farlo, puoi, ma non sarà necessario farlo”, spiega Musk. Questo robot è spesso oggetto di discussione se consideriamo che negli ultimi anni, Musk ha ripetutamente messo in guardia sulle ramificazioni dell’intelligenza artificiale e dei robot.

Musk inarrestabile, presentato il nuovo robot umanoide realizzato da Tesla

Nel 2017, Musk ha affermato che c’era una “probabilità dal 5 al 10% di successo di rendere sicura l’intelligenza artificiale”. Inoltre, che le aziende che lavorano sulla nuova tecnologia dovrebbero rallentare per assicurarsi di non costruire involontariamente qualcosa di pericoloso. Tre anni dopo, Musk ha parlato del rischio che gli esseri umani venissero minacciati dall’intelligenza artificiale prima del 2025.

“L’intelligenza artificiale è sottovalutata da persone molto intelligenti perché le persone molto intelligenti non pensano che un computer possa essere intelligente come loro. E questa è arroganza”. “Ci stiamo dirigendo verso una situazione in cui l’intelligenza artificiale è molto più intelligente degli umani e penso che il lasso di tempo prima che qualcosa accada sia inferiore a cinque anni da oggi. Ma ciò non significa che tutto andrà a rotoli in cinque anni. Significa solo che le cose saranno instabili o strane.”

Oltre a questo robot, ai razzi con SpaceX e alle auto elettriche con Tesla, Musk sta anche sviluppando qualcosa con Neuralink: un chip che collega il cervello direttamente al computer che spera consentirà la “simbiosi uomo-IA“.