Cashback

Sono molti gli italiani delusi quest’estate dopo la chiusura del programma cashback da parte del Governo. Lo scorso 30 Giugno, l’esecutivo a guida Mario Draghi attraverso un Decreto ad hoc ha deciso di eliminare il programma dei rimborsi nel secondo semestre dell’anno per pagamenti con carta di credito, di debito e moneta virtuale

 

Cashback, tempi per l’arrivo dei rimborsi dopo lo stop

Il cashback, stando all’ultimo Decreto in materia, è stato sospeso nella seconda parte dell’anno. Non è arrivata ancora quindi una definitiva cancellazione dell’iniziativa ma voci a riguardo si fanno sempre più insistenti.

A dolersi dello stop del cashback non sono soltanto i partecipati al programma, ma anche parte dell’attuale maggioranza di Governo. Molti esponenti politici, infatti, difendono la misura ricordando la sua duplice possibile utilità: contro l’evasione fiscale e per un rilancio dei consumi.

Lo stop al cashback non significa solo stop al programma standard dei rimborsi su ogni singolo acquisto, ma anche stop al super rimborso dal valore di 1500 euro. Tale incentivo, in base alle normative dello scorso anno, era destino ai primi 100mila italiani con il numero maggiore di movimenti con moneta digitale e carte.

A messa in pausa del cashback, sono molti gli italiani che chiedono informazioni circa i possibili rimborsi già accumulati. Le somme accantonate nel primo semestre saranno regolarmente inviate agli italiani sui loro codici IBAN. Il Fisco già in queste settimane sta inviando i primi pagamenti ed entro la fine dell’estate tutti gli italiani dovrebbero essere risarciti delle spese relative al primo semestre del 2021