twitter-rilascia-nuovo-strumento-disinformazione

Twitter ha introdotto martedì una nuova funzionalità di test che consente agli utenti di segnalare informazioni errate in cui si imbattono sulla piattaforma, segnalandole alla società come ‘fuorvianti’. Il test verrà implementato a partire da oggi per la maggior parte degli utenti negli Stati Uniti, in Australia e in Corea del Sud.

Nel nuovo test, gli utenti di Twitter saranno in grado di espandere il menu contestuale a tre punti nell’angolo in alto a destra di un tweet per selezionare ‘segnala tweet‘ dove incontreranno la nuova opzione per contrassegnare un tweet fuorviante. Il menu successivo offre agli utenti la possibilità di specificare che un tweet è fuorviante su ‘politica’, ‘salute’ o ‘qualcos’altro’.

Twitter: la nuova opzione é un esperimento

Twitter ha aggiunto un modo per consentire agli utenti di segnalare informazioni errate relative alle elezioni, sebbene in precedenza tali opzioni fossero funzionalità temporanee collegate alle elezioni globali. Nel 2019, la piattaforma ha lanciato l’opzione per segnalare tweet fuorvianti sul voto per aiutare a salvaguardare le elezioni in Europa e India.

L’intenzione è quella di offrire agli utenti un modo per far emergere i tweet che violano le politiche esistenti di Twitter in materia di disinformazione relativa alle elezioni e alla pandemia, due argomenti su cui si concentrano le politiche e gli sforzi di applicazione. Il sistema di segnalazione degli utenti lavorerà in tandem con i sistemi proattivi di Twitter per identificare la disinformazione potenzialmente pericolosa, che si basa su una combinazione di moderazione umana e automatizzata.

Sebbene la nuova funzionalità di reporting sarà disponibile in modo molto ampio, l’azienda descrive il test come un ‘esperimento’, non come una funzionalità finita. Twitter osserverà come le persone sulla piattaforma utilizzano il nuovo strumento di segnalazione di disinformazione per vedere se la segnalazione degli utenti può essere uno strumento efficace per identificare tweet fuorvianti potenzialmente dannosi.