whatsapp-come-inviare-foto-e-video-senza-riempire-la-memoria

Avete problemi con il vostro smartphone perché vi esce in continuazione l’avviso “spazio di archiviazione in esaurimento”? Spesso è proprio WhatsApp il problema perché non solo riceviamo contenuti multimediali, ma li condividiamo anche e in tutti e due i casi vengono salvati sul device. WhatsApp però è un pozzo di risorse che spesso nemmeno conosciamo. Scopriamo insieme come inviare foto e video senza riempire la memoria del nostro dispositivo.

 

WhatsApp: condividi contenuti multimediali senza intasare la memoria

Meno contenuti vengono salvati sullo smartphone, meglio è. Questo perché alla lunga può rallentare le sue prestazioni e, alla peggio, riempirne la memoria rendendo impossibile aggiornare le app e il sistema operativo. E visti i tempi che corrono, dato che privacy e sicurezza sono in pericolo per la falla 4G, non ci si può permettere di avere il dispositivo non aggiornato all’ultima versione. Ecco allora una soluzione che arriva direttamente da WhatsApp che, solitamente, è la causa dello spazio di archiviazione pieno.

Da poco infatti, gli sviluppatori dell’app del Gruppo Facebook hanno implementato una funzionalità ancora poco nota ai più. Si tratta dell’opzione “View Once“. In pratica, è possibile fare in modo che foto e video inviati da WhatsApp a un nostro contatto possano essere visibili una sola volta. Questo prima che vengano eliminati definitivamente sia per il destinatario che per il mittente.

 

Come sfruttare la funzione View Once

Sfruttare la funzione View Once su WhatsApp non è complicato, ma allo stesso tempo nemmeno così intuitivo. Infatti occorre prestare attenzione prima dell’invio dei contenuti. Il procedimento è identico a quando decidiamo di condividere una foto. Solo che il bottone che attiva la funzionalità di cui vi stiamo parlando comparirà a sinistra del tasto “invio” sotto forma di un 1 cerchiato.

Insomma, si tratta proprio di un’opzione incredibile, non solo per garantire la privacy su contenuti che non vogliamo possano essere diffusi, ma anche per evitare che la memoria si ingolfi.