Contatori modificati: risparmiare illegalmente sulla bolletta, a cosa si va incontro?

Nel mondo esiste l’onestà e l’astuzia. Purtroppo quest’ultima prevale nella maggior parte dei casi e a volte può sfociare in doppi fini non proprio legali. Ne sono l’esempio i contatori, che ogni giorno vengono modificati per poter risparmiare sulla bolletta. Quali sono le tecniche più utilizzate e a cosa si va incontro?

Contatori modificati: le tecniche più frequenti

Non è la prima volta che si sente parlare di contatori modificati, e i metodi sono altrettanto visti e utilizzati. Ecco di seguito le varie tecniche utilizzate:

  • Allacciare la propria corrente di casa all’energia elettrica pubblica: Questo è uno dei metodi più utilizzati, in quanto capace di azzerare in maniera efficace il costo della bolletta. A chi viene accreditata? All’energia pubblica. Quali sono le conseguenze? Ovviamente, essendo illegale, si diviene perseguibili penalmente;
  • Attaccare la corrente al contatore del vicino: Altro metodo molto utilizzato, ma pur sempre grave ed illegale. In tal caso i furbetti riescono ad attaccare la corrente a quella del vicino, facendo sì che quest’ultimo paghi una bolletta rigonfiata rispetto alla solita cifra, senza saperne il motivo.
  • Contatore modificato: Truffa del magnete. Come funziona? Si applica un magnete sopra il contatore, il quale rallenta, o in alcuni casi azzera completamente, il conteggio dell’energia utilizzata. Inutile dire, che anche in questo caso, è tutto totalmente illegale.

Insomma, la truffa del contatore modificato è estremamente pericolosa. Effettuandola infatti si va incontro ad un crimine penale, che può per giunta causare gravi danni alle persone e ai beni coinvolti. Per le aziende invece può mettere a rischio la vita dei dipendenti e del proprio vicinato. Le implicazioni finanziarie possono anche essere gravi.