condizionatoreLe alte temperature ci spingono sempre di più a dormire con dei dispositivi che siano pronti a rinfrescarci subito. Che si parli di un ventilatore o di un condizionatore. Soprattutto quest’ultimo è in grado di darci un grande sollievo, in particolar modo quando ci sono delle serate molto calde. Tuttavia, dormire con l’aria condizionata acceso potrebbe mettere seriamente in pericolo la nostra salute.

Infatti, sembra che il tutto non riguardi solo ed esclusivamente uno sbalzo termico, il quale provoca il mal di schiena e il mal di pancia, ma c’è dell’altro. Infatti, ciò che provoca l’aria condizionata è anche una secchezza delle mucosa nasale. È molto importante la suddetta poiché accresce le difese dell’intero organismo.

La mucosa nasale è in grado di proteggerci quotidianamente da germi, virus e batteri che, soprattutto nel periodo storico in cui ci troviamo, è fondamentale. La sua azione essenzialmente è quella che queste cose entrino nei nostri polmoni, e tutto ciò che produce la mucose è essenziale proprio per le nostre difese immunitarie.

Aria condizionata: è possibile dormirci senza avere alcun tipo di problema?

In ogni cosa c’è una soluzione e si può anche dormire con il condizionatore acceso senza che il suddetto incida sul nostro organismo. Infatti, l’aria condizionata troppo alta e dirette su di noi potrebbe interrompere il ciclo del muco nasale e potremmo svegliarci il giorno dopo con la tosse e il catarro.

Quindi, è bene fare attenzione ed se potete evitate. Tuttavia, se il caldo proprio non riuscite a sopportarlo, potete continuare a tenerlo acceso anche di notte selezionando l’opzione deumidificatore e non scendendo mai sotto gli 8-9 gradi rispetto alla temperatura esterna. Inoltre, sarà importante non tenere il getto dell’aria nella direzione del nostro corpo ed è preferibile impostare un timer di spegnimento del dispositivo.