venere-solar-orbiter-ha-registrato-le-immagini-superficie-lato-notturno

Continuano ad arrivare sorprese e notizie incredibili dallo Spazio. Dopo l’avvistamento di un asteroide completamente d’oro e altri metalli preziosi, ecco un’altra super novità. La sonda Solar Orbiter, della NASA e dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, dopo l’avvicinamento ha registrato le immagini del lato notturno di Venere. Scopriamo insieme tutti dettagli. È disponibile anche il video completo dell’osservazione.

 

Venere: la Solar Orbiter per NASA ed ESA ha fatto un eccellente lavoro

Per la sonda Solar Orbiter è stata una manovra necessaria quella di sfruttare la gravità di Venere, a circa 7.995 chilometri dalla sua superficie, per acquistare velocità e mettersi così in direzione del Sole.

Durante questa operazione la NASA e l’ESA hanno potuto registrare le immagini della superficie di Venere nella sua parte notturna. Un gioco da ragazzi se si pensa che la Solar Orbiter lo scorso giugno è passata a soli 77 milioni di chilometri dalla superficie solare. In pratica a metà della distanza che c’è tra la Terra e il Sole stesso.

Purtroppo però la registrazione delle immagine non è andata così bene come gli scienziati speravano e si immaginavano. A rivelare questa notizia è stato l’astrofisico della NASA Phillip Hess che, in merito all’osservazione avvenuta della superficie di Venere, ha dichiarato:

Avremmo potuto analizzare alcune caratteristiche sul lato notturno del pianeta, ma la luminosità ha disturbato il nostro tentativo“.

Anche BepiColombo, la sonda euro-giapponese, nella missione di cui fa parte anche l’ESA ha registrato alcune immagini durante il suo avvicinamento a Mercurio. La foto, scattata a circa 1.573 chilometri di distanza, potrà essere esaminata e sicuramente, come per le immagini registrate della superficie di Venere, potrà fornire diverse risposte sul Pianeta.

Ovviamente non potevamo mancare di pubblicare il video incredibile dell’avvicinamento della Solar Orbiter a Venere. Immagini mozzafiato che rendo l’idea di quanto sia immenso e meraviglioso il nostro Sistema Solare.

 

FONTEScienze Notizie