sicurezza dati

La società di software di sicurezza informatica Code42 ha rilevato un aumento del 40% degli “eventi di esposizione dei dati” tra la prima metà del 2020 e la prima metà del 2021.

Ha inoltre concluso che, entro la prima metà di quest’anno, c’è stato un aumento del 61% negli eventi di esposizione ai dati. I risultati di Code42 sono stati precedentemente riportati dal Financial Times.

Code42 ha analizzato i dati anonimi di oltre 700.000 dispositivi aziendali della prima metà di quest’anno. L’analisi ha esaminato il rischio interno, ovvero il rischio per la sicurezza che un’organizzazione deve affrontare dall’interno, ad esempio dai propri dipendenti.

L’analisi ha rivelato “una correlazione diretta tra dimissioni, dipendenti in partenza ed eventi di esposizione”, ha affermato la società in un post sul blog. La grande rassegnazione è in parte da biasimare. Il numero di americani che hanno lasciato il lavoro ha raggiunto il record di 4 milioni ad aprile ed è rimasto elevato da allora. Il conseguente elevato turnover è un fattore importante negli eventi di esposizione dei dati.

 I commenti della societa’

L’esposizione dei dati ha raggiunto il picco nello stesso momento in cui gli Stati Uniti hanno sperimentato un massiccio cambiamento nell’occupazione“, ha scritto Code42 nel suo post.

La società afferma che la portabilità dei dati è stato un altro fattore nella crescente frequenza degli eventi di esposizione dei dati. I supporti rimovibili, principalmente unità USB, erano il mezzo più comunemente usato per rubare i dati aziendali.

I dipendenti se ne sono andati con informazioni aziendali sensibili come codice sorgente, elenchi di clienti e domande di brevetto. L’esposizione al codice sorgente, in particolare, è triplicata rispetto ai trimestri precedenti, secondo Code42.

Quasi la metà di tutta l’esposizione al codice sorgente nell’ultimo anno solare è arrivata dal secondo trimestre del 2021, iniziato ad aprile, il mese in cui i dati hanno raggiunto il punto più alto in 20 anni.