boeing starliner

La capsula Starliner di Boeing non verrà lanciata verso la Stazione Spaziale Internazionale fino a quando non sarà stata sottoposta ad una “risoluzione dei problemi di livello più profonda.”

Il difetto risiede nel sistema delle valvole del sistema di propulsione che risultano essere bloccate, secondo un comunicato stampa della società. Questa risoluzione dei problemi significa rimuovere la capsula dal razzo Atlas V a cui è stata accoppiata e riportarla alla struttura originale.

Il tentativo di lancio iniziale del veicolo spaziale alla fine del mese scorso è stato cancellato ore prima del decollo dopo che gli ingegneri hanno notato che un gruppo di valvole del carburante nella sezione di propulsione dello Starliner non erano posizionate come programmato.

Il problema alla valvola, la cui causa rimane un mistero, è solo l’ultimo dei problemi che si sono presentati quasi due anni dopo che la capsula ha fallito il suo primo tentativo di raggiungere la stazione spaziale nel 2019.

Per colpa di questo malfunzionamento, i piani di Boeing per il lancio di questo mese  potrebbero prolungarsi. Secondo il vicepresidente della Boeing John Vollmer, la società “continuerà a lavorare sul problema dalla fabbrica Starliner e ha deciso di rinunciare a questa finestra di lancio per far posto ad altre missioni prioritarie nazionali“.

Una nuova data per il lancio

La nuova data di lancio dovrà essere decisa congiuntamente da NASA, Boeing e United Launch Alliance dopo che il problema con le valvole sarà stato individuato e risolto.

La missione di Starliner, chiamata Orbital Flight Test 2 o OFT-2, sarebbe una missione di prova di circa dieci giorni senza umani a bordo. È un rifacimento del suo primo tentativo nel dicembre 2019, quando un miscuglio di problemi software gli ha impedito di raggiungere la stazione spaziale e ha costretto un ritorno anticipato due giorni dopo il lancio.

Boeing ha affermato che il software non è responsabile del nuovo problema alle valvole di Starliner e ha indicato in precedenti dichiarazioni che si tratta di un problema hardware più complesso. Aerojet Rocketdyne, che ha fornito il sistema di propulsione di Starliner di cui le valvole fanno parte, sta lavorando con Boeing e la NASA per andare a fondo del problema.