malaria

Grazie ad una nuova ricerca, nove persone hanno ricevuto anticorpi monoclonali dopo essere state deliberatamente esposte a zanzare portatrici del parassita che causa la malaria. Nessuno è stato infettato e la protezione sembra durare per più di sei mesi.

Il processo è troppo piccolo per raggiungere conclusioni definitive sull’efficacia dei monoclonali e non è un test che puo’ essere preso come definitivo, ma le persone nel campo sono impressionate dalla prova di principio perché apre una nuova strada per prevenire questa malattia mortale .

È fantastico“, afferma Dennis Burton, immunologo presso Scripps Research che ha sviluppato anticorpi monoclonali per prevenire l’infezione da HIV, COVID-19 e Zika.

Come funziona

Sebbene gli anticorpi monoclonali abbiano costi di produzione elevati che potrebbero metterli fuori dalla portata di molti paesi in via di sviluppo, il nuovo studio potrebbe anche sensibilizzare la comunita’ scientifica e convincerla a sviluppare un vaccino contro la malaria migliore di quello utlizzato ora.

Al momento lo studio dimostra l’importanza di indirizzare le risposte immunitarie a una regione critica di una proteina prodotta simile a spore di Plasmodium falciparum, il protozoo responsabile della maggior parte delle morti per malaria nel mondo.

L’anticorpo si lega a una piccola porzione della proteina circumsporozoite (CSP) che si trova sulla superficie di questi sporozoiti. “È il primo studio che valuta effettivamente la potenza di un anticorpo contro il bersaglio CSP negli esseri umani“, afferma Hedda Wardemann, un’immunologa che studia gli anticorpi antimalarici presso il Centro tedesco di ricerca sul cancro.

Esistono già farmaci che possono proteggere temporaneamente le persone dal P. falciparum, molti viaggiatori che si recano in regioni colpite dalla malaria li prendono. I farmaci vengono utilizzati anche in alcune popolazioni che vivono in regioni con stagioni della malaria, che sono tipicamente legate alla pioggia e all’esplosione delle popolazioni di zanzare. E zanzariere e insetticidi possono rendere più difficile per le zanzare banchettare con il nostro sangue e infettarci. Ma P. falciparum ammala ancora 200 milioni di persone all’anno e ne uccide circa 400.000.

Un team di ricerca ha prima isolato l’anticorpo CSP contro il P. falciparum da una persona che ha ricevuto un vaccino sperimentale contro la malaria. Il parassita ha un ciclo di vita complesso e multistadio e l’anticorpo impedisce agli sporozoiti di infettare le cellule del fegato, dove maturerebbero in un’altra forma che può distruggere i globuli rossi e causare malattie.