VodafoneVodafone, sopratutto a causa della Brexit, ha deciso di ricominciare ad accreditare i costi del roaming dati. Al momento il Paese principalmente coinvolto è proprio il Regno Unito.

Molte compagnie hanno annunciato che non avrebbero reintrodotto le tariffe per il roaming dopo la Brexit, ma lo hanno fatto comunque. Questo inaspettato risvolto del post-Brexit implica che i clienti nuovi e in arrivo dovranno pagare fino al 2% in più dovranno farlo ogni giorno. “Abbiamo ricevuto buone notizie da aziende come Vodafone e la 3. Alcune hanno dichiarato pubblicamente che non addebiteranno ugualmente i consumatori”, ha dichiarato all’epoca il ministro degli Esteri, Dominic Raab.

“Piuttosto che influenzare tutti i nostri clienti includendo i costi aggiuntivi del roaming in tutte le nostre tariffe, i clienti potranno scegliere un piano che includa il roaming o acquistare un pass per il roaming aggiuntivo”, questo quanto dichiarato in seguito, poco dopo la brexit. Dunque, i costi del roaming non sono realmente scomparsi, sono solo proposti in una forma diversa.

Vodafone: il ritorno del roaming nel Regno Unito, nuove tariffe in contrasto con le promesse dell’azienda

“La nostra ambizione è garantire che i clienti non subiscano mai uno ‘shock delle bollette‘ con Vodafone. Tutti i nostri piani e abbonamenti avranno limiti di utilizzo chiari. I clienti saranno anche in grado di gestire tutto con Vodafone Spend Manager, tramite l’app My Vodafone.”

Le tariffe per i viaggi in Europa sono terminate a giugno 2017, consentendo ai consumatori di continuare a utilizzare il proprio piano di telefonia mobile in altre nazioni dell’UE senza costi aggiuntivi, con un limite di utilizzo.

In base all’accordo commerciale Brexit del Regno Unito, entrambe le parti dovrebbero “cooperare per promuovere tariffe trasparenti e ragionevoli”, ma non c’è stata una garanzia sul roaming gratuito. “All’indomani della Brexit, tutti i maggiori fornitori di telefonia mobile del Regno Unito hanno affermato di non avere piani immediati per modificare le loro tariffe. È estremamente deludente per i consumatori vedere che la situazione cambia così rapidamente”.