tempeste solari

Il nostro sole è noto per essere la stella più grande più vicina alla Terra. Con un arco di oltre 150 milioni di chilometri dal pianeta Terra, è il punto nevralgico che irradia la nostra galassia, producendo calore, luce e che consente la fotosintesi, tra le altre funzioni fondamentali.

Il sole è rilascia costantemente grandi quantità di energia in tutta la galassia. La maggior parte delle esplosioni che conosciamo sono brillamenti solari ed espulsioni di massa coronale. Oltre a quelli, ci sono molte eruzioni minori ed emissioni di energia registrate dal sole un centinaio di volte all’anno al massimo.

Tuttavia, l’eccessivo rilascio di energia del sole non è sicuro per il clima spaziale collettivo. Secondo un rapporto di Tech Explorist, anche il normale tasso di convezione solare e tempeste solari può interrompere lo scudo magnetico del nostro pianeta e comprimerlo per distorcere i segnali dai nostri satelliti, portando all’interruzione delle comunicazioni globali e al caos elettrico.

Come si comportano le tempeste solari

Le tempeste solari, essendo una delle attività conosciute del sole, sono piene di misteri. Ciò che è più difficile per gli esperti di astronomia da è che le tempeste solari sono impossibili da prevedere.

Ma nonostante questo, gli esperti dell’Università di Sydney hanno tentato di risolvere il più lungo enigma che ruota attorno al sole. La soluzione può contribuire alla nostra conoscenza delle attività che lo riguardano e prevedere quindi eventuali rischi.

Uno degli aspetti fondamentali dello studio è stato quello di prepararci nel caso in cui una tempesta geomagnetica causata dalle convezioni solari colpisse il nostro pianeta. Lo studio sul legame tra la meteorologia spaziale e l’oscillazione solare è pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America, dal titolo “Rotation Suppresses Giant-scale Solar Convection“.

Il campo magnetico solare è essenziale per generare il processo di dinamo esibito dalle regioni interne del sole. Il processo è anche un fattore integrante che ha un forte impatto sul ciclo solare. Come il campo magnetico solare, anche la zona di convezione del sole è necessaria per prevedere il tempo spaziale. Questa zona, contrariamente alla dinamo, si trova nelle regioni sulla superficie del sole.

L’attuale teoria solare afferma che la zona di convezione si fonde con i vortici più grandi, trasformandosi in versioni giganti di celle di convezione. Sfortunatamente, le celle di convezione ipotizzate non sono mai state osservate prima e non è stato confermato che siano state analizzate durante gli studi astronomici. Questo problema scientifico è anche noto come Convective Enigma. Con il modello creato dallo studio, ci si aspetta che gli esperti di eliosismologia trovino alcuni risultati interessanti per le loro osservazioni future.