aumenti benzina

Il gigante russo del gas Gazprom ha aumentato le sue esportazioni di gas naturale e benzina in Europa del 23% da gennaio a luglio 2021, ha dichiarato Gazprom Export questa settimana.

Nei primi sette mesi di quest’anno, le vendite di gas di Gazprom in Turchia e in Europa hanno raggiunto i 115,3 miliardi di metri cubi, con un aumento del 23,2 percento annuo, ma inferiore al record del 2018, secondo i dati di Gazprom Export.

La domanda di gas naturale in Europa ha registrato un forte rimbalzo quest’anno, dopo il crollo della primavera e dell’estate dello scorso anno, quando la domanda è diminuita con i blocchi indotti dalla pandemia in tutta Europa.

Quest’anno, Gazprom ha aumentato significativamente la sua fornitura di gas tra gennaio e luglio in Turchia (del 203,9 percento), Germania (del 42,2 percento), Italia (del 16,2 percento), Romania (del 318,3 percento), Polonia (del 14,6 percento), Serbia (del 118,1 percento), Bulgaria (del 47%), Francia (del 6 percento) e Grecia (del 18,8 percento).

Nonostante tutto aumentano le esportazioni

Il gigante russo continua anche ad aumentare le esportazioni di gasdotto verso la Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia, ha affermato il braccio di esportazione della società.

Nonostante l’aumento della produzione e delle spedizioni di gas in più quest’anno rispetto al 2020 colpito dalla pandemia, Gazprom continua a trattenere la fornitura di gas all’Europa.

Anche con il forte rimbalzo della domanda europea di gas naturale e l’aumento dei prezzi, Gazprom non ha registrato un ulteriore capacità di ingresso in Europa attraverso l’Ucraina. Nonostante la manutenzione sulle rotte del gasdotto del nord verso l’Europa a luglio.

Gli analisti affermano che questa potrebbe essere una mossa opportunistica da parte del colosso russo per aumentare ulteriormente i prezzi del gas in Europa e sfruttare quelli che ora sono i prezzi più alti degli ultimi 13 anni. Altri invece ritengono che l’effettiva riduzione delle forniture di Gazprom costringerebbe l’Europa a riconoscere che i clienti del gas nel nostro continente hanno bisogno del controverso gasdotto Nord Stream 2 verso la Germania, aggirando l’Ucraina.