Anycubic Photo Mono recensione

Anycubic è una nota azienda produttrice di svariate stampanti 3D in resina MSLA e ha da poco annunciato la sua nuova Anycubic Photon Mono. Si tratta di un prodotto ben realizzato, dotato di diverse funzioni e soprattutto proposto ad un prezzo non troppo elevato. Questo rende la nuova stampante di Anycubic adatta per tutti coloro che vogliono approcciarsi a questa tipologia di stampanti senza spendere una fortuna.

 

ASPETTO ESTETICO E UNBOXING

Dal punto di vista estetico e del design, per la sua nuova Anycubic Photon Mono l’azienda ha preso spunto da quanto fatto in passato sui suoi precedenti prodotti. In particolare, la nuova stampante 3D è affidabile e solida. Presenta inoltre una sorgente di luce UV da 405 nm e una vasca per posizionare la resina liquida. Nel complesso, troviamo un design chiuso, con lo schermo LCD monocromatico posto sulla parte anteriore e con una porta USB posta sul lato. La piattaforma di costruzione è poi angolata e fa in modo che la resina non si accumuli. Il display è poi ben fissato sulla superficie, mentre la base è realizzata in plastica.

Anycubic ha inserito nella confezione di Photon Mono tutto il necessario per renderla quanto più possibile user friendly ed iniziare a stampare sin da subito. Nella confezione troviamo nello specifico:

  • Stampante con alimentatore di corrente (formato europeo)
  • Guanti in lattice
  • Mascherina protettiva chirurgica (la resina di stampa risulta tossica, non va quindi toccata ne inalata)
  • Filtri per svuotare la vasca di stampa
  • Set di utensili per la manutenzione e libretto di istruzioni
  • Pellicole di ricambio FEP

Proprio sulle pellicole FEP, un punto a sfavore dell’azienda. Le pellicole di ricambio usano un formato proprietario e sono quindi acquistabili solo da Anycubic stessa, cosa che incide quindi sulla scelta dell’utente e ovviamente sul prezzo.

 

PRESTAZIONI E STAMPA

La nuova Anycubic Photon Mono, come già accennato, è un’ottima stampante 3D a resina MSLA in grado di effettuare stampe in tempi piuttosto ridotti rispetto alla concorrenza con definizioni dichiarate fino a 0.025 micron. Nello specifico, la nuova stampante di Anycubic è in grado di stampare fino a 50 mm all’ora e ha un’aspettativa di vita maggiore di ben oltre 2000 ore di utilizzo.

Ma come funziona nello specifico la stampa a SLA? Il processo di stampa prevede la polimerizzazione della resina, che è allo stato liquido e non in filamenti, grazie al fascio di luce UV che abbiamo citato in precedenza. Lo schermo LCD da 6 pollici (monocromatico ed ha una risoluzione pari a 2560 x 1620 pixel) fa da interfaccia visualizzando l’oggetto e creando i vari strati che saranno poi appunto polimerizzati e solidificati dal raggio UV.

Ci sono solo 2 prerequisiti semplicissimi per la stampa. Il primo è la configurazione iniziale, che richiede di posizionare la stampante su un piano livellato, rimuovere la vaschetta della resina per abbassare la piastra di stampa direttamente sul pannello LDC, stringere le vite per assicurare il corretto posizionamento ed il gioco è fatto. A questo punto bisogna solo montare nuovamente la vaschetta resine su Anycubic Photon Mono e procedere con il secondo requisito, e cioè l’oggetto da stampare tramite il software proprietario.

 

SOFTWARE E QUALITA’ DI STAMPA

È inoltre presente un software denominato Photon Workshop che serve per preparare i file di tipo .STL da utilizzare e da stampare. Il software è disponibile sia per utenti Mac che per Windows. Il consiglio è di usare (soprattutto se alle prime armi) il software proprietario, che integra di default tutti i settaggi preconfigurati per il tipo di stampante in uso, permettendo quindi di avere una stampa ottimale senza dover attuare modifiche ai settaggi.

Il file modello, una volta esportato e caricato nella stampante, sarà visibile sullo schermo LCD, e sarà possibile agire manualmente sulle impostazioni qualora ce ne fosse bisogno. Il software calcolerà anche una stima della resina che Anycubic Photon Mono utilizzerà per la stampa, ottimo per ridurre gli sprechi da resina in eccesso.

La qualità di stampa è ottima, nella nostra prova abbiamo stampato diversi modelli preconfigurati proprio per valutarne la qualità, che ripetiamo, ha una precisione dichiarata di 0.025 micron. I dettagli e la velocità di stampa ci hanno colpito, considerando che parliamo di un prodotto di fascia bassa e pensato per chi si vuole avvicinare alla stampa 3D.

L’unico vero punto debole riguarda sicuramente le dimensioni della vaschetta della resina e quindi della grandezza di stampa. Anycubic Photon Mono infatti permette di stampare oggetti con un volume massimo dichiarato pari a 130x78x160 mm.

 

CONCLUSIONI

In conclusione, siamo rimasti molto soddisfatti della nuova Anycubic Photon Mono in quanto, ad un prezzo di 229,99€, è in grado di offrire ottime stampe, rapide e molto dettagliate, senza dimenticare la presenza del software Photon Workshop per preparare i file da mandare in stampa, semplice ed intuitivo da utilizzare. Di seguito vi lasciamo i link all’acquisto.