call center truffa

La polizia di Delhi, in India, ha arrestato la scorsa settimana 65 persone che presumibilmente gestivano un call center volto a estorcere denaro da persone provenienti da tutto il mondo.

In una ricerca iniziata il 24 maggio 2005, in uno dei sempre più numerosi call center situati nella città indiana di Bangalore, i truffatori hanno estorto milioni negli anni. La polizia di Delhi ha dichiarato di aver arrestato 65 persone la scorsa settimana che avrebbero preso di mira cittadini da tutto il mondo impersonando funzionari del governo.

La polizia ha detto di aver arrestato ogni persona presente nello stabilimento, così come i due proprietari del call center, Lakhan Jagwani e Vijender Singh Rawat, secondo India Today. I call center avrebbero finto di essere funzionari di Stato.

Il 28 luglio, secondo le informazioni, il nostro team ha condotto un raid a Hari Nagar, dove diversi chiamanti erano impegnati nell’effettuare e ricevere le chiamate impersonando funzionari governativi del Dipartimento delle dogane e della protezione delle frontiere, dell’Agenzia anti-droga, a ufficiali di polizia e cosi via.”, ha dichiarato alla rivista il vice commissario di polizia Urvija Goel.

I due proprietari insieme sono stati trovati sul posto

Fonti di notizie indiane riferiscono che i call center del centro avrebbero cercato di convincere le vittime che i loro numeri di previdenza sociale sarebbero stati sospesi.

“Hanno estorto denaro alle vittime all’estero nel nome di salvarle da azioni legali e arresti. Mercoledì, una squadra di polizia ha condotto un raid al call center di Hari Nagar dove molte persone erano impegnate a fare e ricevere chiamate internazionali”, ha detto Goel, secondo il Times of India.

La truffa è iniziata con una robocall preregistrata che si presumeva provenisse da un dipartimento legale, secondo India Today. Alle vittime del regime sarebbe stato detto che avrebbero dovuto affrontare un’azione legale e che i loro numeri di previdenza sociale potevano essere sospesi. È stato anche chiesto loro di trasferire denaro dai loro conti bancari su carte regalo elettroniche.

Durante il raid della scorsa settimana, la polizia ha affermato di aver sequestrato 58 computer, due laptop, router Internet e dati trovati su dispositivi elettronici.