android-12-beta-2-funzione-ios-14

La faida tra iOS e Android probabilmente non finirà mai. Provando iOS, ci sono funzioni Android di cui inevitabilmente si nota l’assenza.

Gesto per tornare indietro su Android

Apple ha preceduto Google nell’aggiunta di un gesto specifico che permette di scorrere indietro. Tuttavia, Google ha centrato l’obiettivo. Il gesto indietro è più efficace su Android. Scorri dal bordo sinistro o destro dello schermo e andrai indietro, ovunque e comunque. Le app si sono anche adattate rimuovendo menu laterali che possono creare confusione. Non esiste un vero equivalente a questo tipo di scorrimento su iOS. Il gesto non è implementato universalmente, né da Apple né da tutti gli sviluppatori.

Bundle e canali di notifica

Un altro classico esempio del “Pensavo fosse fatto male, finché non ho visto di peggio” sono le notifiche. Su Android, possono invadere lo schermo rapidamente, non c’è modo di gestirle alla rinfusa, vengono consegnate a tutti i dispositivi inclusi quelli inattivi e non esiste un sistema intelligente che gestisce ciò che ti viene notificato. Apple ha provato a implementare un sistema alternativo in iOS/iPadOS 14, ma è ancora indietro di anni rispetto ad Android. Il raggruppamento non funziona sempre. Inoltre,
si nota la mancanza di canali. Il sistema di Apple è tutto o niente, quindi uno sviluppatore non può farti decidere quale tipo di notifiche desideri ricevere e quali preferiresti non vedere.

Gboard

La tastiera Apple non si avvicina al momento all’esperienza di Gboard su Android, e purtroppo anche la stessa Gboard di Google è limitata poiché Apple limita così tanto le tastiere di terze parti su iOS che Google non può implementare nessuna delle sue caratteristiche distintive. Perdi la riga dei numeri, un elemento cruciale per la battitura araba ad esempio. Devi anche dire addio al supporto multilingue e passare manualmente da una all’altra. Anche la traduzione al volo non è più utilizzabile. Nessun gestore di appunti per incollare rapidamente diversi elementi, nessun suggerimento di riempimento automatico. Tutti i motivi che rendono Gboard straordinario su Android spariscono su iOS.

Tocca due volte o tocca e tieni premuto

Su Android è più intuitivo capire cosa succede con un doppio tocco o un tocco singolo o se tieni premuto. Non ci sono ripensamenti, tentativi ed errori, nessuna incoerenza. “Funziona e basta.” Per iOS, la maggior parte delle volte non è così. Il cursore, soprattutto su iPad, sembra quasi non rispondere ai comandi e mixare le funzionalità tra loro.

Ripristino delle app su Android

Su iOS/iPadOS, l’unica possibilità per liberarsi di un’app è disinstallare e reinstallare l’app da zero per ripristinarla. Anche in tal caso, alcuni dati potrebbero essere sottoposti a backup ed essere associati al tuo account, il che è positivo se stai configurando un nuovo telefono, ma è un male se stai cercando di riportare un’app alla sua “forma iniziale”. Ci sono alcuni tutorial online, ma niente di così semplice come le opzioni Cancella spazio di archiviazione e Cancella cache offerte da Android. Senza nemmeno menzionare la funzione di disinstallazione degli aggiornamenti che consente di tornare alla versione originale di un’app.

Didascalie Live

I Live Captions sono stati annunciati su Android un paio di anni fa. Se non si vuole o non si può attivare l’audio, basterà abilitare Live Captions per leggere ciò che viene detto senza disturbare nessuno. Su iOS farlo è quasi impossibile al momento.

App predefinite

Sebbene Apple sia migliorata nel darci la possibilità di scegliere i nostri browser e app di posta elettronica preferiti, lega ancora tutto il resto su iOS/iPadOS ai propri servizi. Ciò non significa che iOS sia un pessimo sistema operativo. Tuttavia, come visto fino ad ora, Android è senza dubbi perfettamente all’altezza e persino superiore in funzioni e opzioni come questa.