google play protect app

Google Play Protect, la protezione antimalware preinstallata sui dispositivi Android, non è riuscita a fornire un livello di sicurezza competitivo rispetto ad altre popolari soluzioni antimalware sul mercato.

Secondo una ricerca, il sistema ha rilevato solo due terzi delle 20.000 app dannose durante un test che ha coinvolto un totale di 15 app di sicurezza per dispositivi Android. Tuttavia, a differenza di Google Play Protect, le app come Bitdefender, McAfee, NortonLifeLock e Trend Micro sono state in grado di ottenere un tasso di rilevamento del 100%.

L’istituto tedesco per la sicurezza IT AV-Test ha condotto lo studio sulle app Android per aiutare a proteggere gli utenti da attacchi dannosi in cui ha trovato Google Play Protect come la soluzione meno efficace tra un totale di 15 app di sicurezza. Lo studio è stato condotto per sei mesi tra gennaio e giugno e includeva app di aziende tra cui Avast, AVG, Bitdefender, F-Secure, Kaspersky, NortonLifeLock e Trend Micro, tra le altre.

Le applicazioni che hanno avuto piu’ successo

9 delle 15 app usate per lo studio hanno ricevuto il punteggio massimo di 18 punti nei test. Queste app sono state realizzate da Avast, AVG, Bitdefender, F-Secure, G DATA, Kaspersky, McAfee, NortonLifeLock e Trend Micro.

Seguono le app di Avira, Protected.net, securiON e AhnLab, con 17,8-17,1 punti. Anche la società australiana Ikarus ha ricevuto 16 punti. Tuttavia, Google Play Protect è stato l’ultimo della serie, con soli 6 punti.

Google afferma che il suo Play Protect scansiona più di 100 miliardi di app su base giornaliera ed è disponibile su 2,5 miliardi di dispositivi attivi. Ma né la scansione su larga scala né la sua ampia disponibilità sembrano aver soddisfatto i ricercatori di AV-Test poiché hanno scoperto che la soluzione ha rilevato solo il 68,8% delle 20.000 app dannose totali nel test in tempo reale. Al contrario, le app di Avira, F-Secure e AhnLab hanno raggiunto il 99,8 e il 100% di rilevamento nello stesso test.