app incontri

Le app di incontri in stile “Sugar daddy” non saranno più consentite sul Play Store di Android a partire dal 1 settembre, ha affermato Google nell’ambito di una serie di modifiche alle politiche per la piattaforma. La modifica, segnalata per la prima volta da Police Android, vieta specificamente le applicazioni relative al “sesso a pagamento“. Altre imminenti modifiche alla piattaforma includono un ulteriore giro di controllo sugli account degli sviluppatori inattivi, secondo Google.

Tradizionalmente, le relazioni romantiche online hanno coinvolto persone più anziane e più ricche. Come Police Android fa notare, non mancano app sul Play Store progettate per costruire relazioni in stile “sugar daddy“. Nessuno di loro afferma esplicitamente che gli uomini più anziani dovrebbero compensare le donne più giovani per il loro affetto, ma molti sottolineano la ricchezza degli uomini sui loro servizi.

Anche gli account sviluppatore inattivi possono essere eliminati

Le norme del Google Play Store vietano già le app che promuovono “servizi che potrebbero essere interpretati come atti sessuali in cambio di un compenso”. Ma la dicitura aggiornata amplia tale definizione per includere esplicitamente “appuntamenti pagati o accordi sessuali in cui si suppone o si implica che un partecipante fornisca denaro, regali o sostegno finanziario a un altro partecipante.“

L’annuncio di Google non dice esplicitamente perché l’app risulta essere bandita. Ma sembra essere stat espulsa a seguito dell’introduzione della legislazione FOSTA-SESTA negli Stati Uniti nel 2018, che rimuove le protezioni della Sezione 230 per contenuti che “promuovono o facilitano la prostituzione”. Un rappresentante di Google non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Oltre alle modifiche alle regole per le app di appuntamenti, il gigante della ricerca sta introducendo anche una nuova politica che gli consentirà di rimuovere gli account degli sviluppatori se sono stati inattivi per un anno. Google afferma che farà eccezioni per gli account dietro app con oltre mille installazioni o con recenti acquisti in-app, ma se uno sviluppatore non ha scaricato un’app o non ha effettuato l’accesso alla console Google Play entro 12 mesi, il suo account è a rischio di cancellazione. In un video che descrive il cambiamento, Google afferma che avviserà gli sviluppatori di un’imminente rimozione 60, 30 e 7 giorni prima che avvenga.

Gli aggiornamenti delle norme forniscono inoltre ulteriori informazioni sulle modifiche annunciate in precedenza da Google in merito allo spam del Play Store e alla disattivazione dell’uso degli identificatori pubblicitari. Aggiornara’ le sue schede dei negozi e la politica di promozione il 29 settembre per vietare “testo e grafica di spam nei titoli, icone e nomi degli sviluppatori delle app”.