cashback

Il programma cashback come noto è stato fermato dal Governo lo scorso mese di Giugno. per la stagione estiva e per l’autunno gli italiani non potranno quindi contare sui rimborsi nati dagli acquisti effettuati con carta di credito o con carta di debito.

 

Cashback, pausa della misura e destino dei rimborsi

Lo stop del programma è divenuto effettivo lo scorso 30 Giugno, attraverso un decreto varato dall’esecutivo a guida Mario Draghi. La messa in pausa dei rimborsi del 10% sulle spese quotidiane con moneta virtuale sta scatenando una serie di reazioni da parte del pubblico. In molti si chiedono quale sarà il destino dei rimborsi già accumulati.

Il cashback è ufficialmente fermo a partire dal 1 Luglio. Come si può evincere dall’app Io, il programma dovrebbe ripartire soltanto nel 2022, nel semestre tra Gennaio e Giugno. Su questo punto però non ci sono grandi certezze, considerato che lo stop potrebbe portare anche ad una definitiva cancellazione del programma.

La discussione politica è stata molto accesa nel corso delle ultime settimane. Parte della maggioranza del Governo ha infatti difeso a spada tratta questa misura, nata con l‘intenzione di contrastare l’evasione fiscale e di favorire la ripresa dei consumi nel periodo post pandemico.

Per quanto concerne i rimborsi già programmati nella prima parte dell’anno, il discorso è stato chiarito dallo stesso Governo. I risarcimenti dovuti ai partecipanti del cashback non sono in pericolo. Stando alle FAQ apparse sul sito ufficiale del Governo, l’accredito da parte dell’Agenzia delle Entrate per le somme accumulate tra 1 Gennaio e 30 Luglio partirà nelle prossime settimane.