braccio roboticoIl razzo Proton è stato lanciato dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, portando con sé il braccio robotico europeo (ERA) alla Stazione spaziale internazionale (ISS).

Il robot lungo 11 metri è piegato e attaccato a “Nauka”, che sarà la sua base di partenza quando raggiungerà l’ISS. Il razzo ha messo in orbita Nauka e l’ERA alle 16:08 GMT, dieci minuti dopo il decollo, ad un’altitudine di quasi 200 km sopra la Terra. L’ISS ha già due bracci robotici. Vengono utilizzati per attraccare veicoli spaziali e trasferire carichi utili e astronauti. Nessuno dei due può raggiungere il segmento russo, ha affermato l’Agenzia spaziale europea.

Invece, ERA “camminerà” intorno alle zone russe del complesso orbitale, gestendo componenti fino a 8000 kg massimo. Inoltre, trasporterà gli astronauti dopo aver raggiunto la stazione. “Spostandosi intorno alle parti russe della stazione, il braccio robotico europeo avrà più libertà. Quindi, più flessibilità e più abilità per le operazioni”, afferma in una nota il direttore David Parker.

Braccio robotico pronto a sbarcare nell’ISS grazie ai territori russi circostanti

“Stiamo dando alla Stazione Spaziale un aggiornamento di mezza età dopo 20 anni in orbita attraverso il nostro programma Columbus 2030. Un’opportunità per modernizzare lo spazio con un approccio commerciale“. Nauka impiegherà otto giorni per raggiungere l’ISS, quando utilizzerà i suoi motori per attraccare automaticamente al segmento russo.

Saranno necessarie cinque passeggiate spaziali per prepararlo a svolgere le sue prime operazioni spaziali, che possono essere gestite da astronauti sia dall’interno che dall’esterno dell’ISS, cosa che nessun altro braccio robotico offre. Durante il suo primo anno sulla Stazione Spaziale, i compiti principali dell’ERA in orbita sono pochi. In particolare, l’installazione di un grande radiatore e l’installazione della camera di equilibrio per Nauka.