BitcoinGli Stati Uniti e il Kazakistan stanno assistendo a un’impennata delle operazioni di mining di bitcoin dopo la repressione in Cina dovuta al ban indetto di recente.

Il mining è un processo digitale che genera nuove unità della valuta virtuale risolvendo complesse equazioni matematiche e richiede operazioni informatiche ad alta intensità energetica. Qualche mese fa in Cina gli esperti avevano notato che lo sviluppo delle infrastrutture per il processo si era fermato in attesa di un divieto ufficiale.

Secondo i nuovi dati del Cambridge Center for Alternative Finance (CCAF), la frazione per la potenza computazionale totale utilizzata per estrarre ed elaborare le transazioni bitcoin – nota come hashrate – era diminuita in Cina da circa il 76% nel 2019 al 45% nel 2021. Durante questo periodo, l’hashrate per gli Stati Uniti è passato da circa il 4% al 17%, mentre quello del Kazakistan è passato dall’1,4 all’8,2%.

Stati Uniti e Kazakistan: mining in aumento in seguito al ban in Cina

L’analisi, secondo il CCAF, si è basata sui dati di quattro bitcoin mining pool in tutto il mondo che rappresentano tra il 32 e il 37% dell’hashrate totale nel periodo esaminato. Secondo Peter Wall, capo della società di mining di criptovalute Argo, molti minatori cinesi di bitcoin stanno spostando attrezzature e avviando operazioni negli Stati Uniti. Anche l’hashrate in Canada è cresciuto dall’1% del 2019 al 3% di quest’anno.

Gli esperti affermano che l’esodo di massa dell’estrazione di criptovalute dalla Cina a seguito della repressione del processo da parte del paese qualche mese fa potrebbe solo aumentare la quota statunitense del mercato minerario. “La maggior parte delle nuove apparecchiature prodotte da maggio 2020 a dicembre 2020 è stata spedita negli Stati Uniti e in Canada”, ha dichiarato a CNBC News Mike Colyer, CEO della società di valuta digitale Foundry. Tuttavia, solo l’1,4% dell’approvvigionamento energetico del Kazakistan proviene da fonti rinnovabili e la maggior parte della sua elettricità è prodotta da combustibili fossili come carbone e gas naturale.

Più della metà delle operazioni minerarie in tutto il mondo ha smesso di funzionare e l’intera rete globale di minatori che utilizzavano 132 TWh di energia a metà maggio, ha utilizzato solo 59 TWh all’inizio di luglio. Secondo Michel Rauchs del CCAF, mentre i guadagni rilevati in altri paesi prima della repressione cinese potrebbero essere un indicatore, sono necessari ulteriori dati e approfondimenti per confermare questo esodo.